Autore:
Salvo Sardina

DRAMMA SEB Le prime tre sessioni di prove libere ci avevano regalato una Ferrari apparentemente in grado di lottare ad armi pari contro la Mercedes e magari di portare a casa la quarta pole position della stagione. Graziato dal meteo che alla fine non ha scaricato la tanto attesa pioggia, insomma, Sebastian Vettel poteva sperare che il cerchio di eventi sfortunati si potesse finalmente chiudere, un anno dopo quell’errore in curva-13 che ha di fatto spalancato la porta al quinto mondiale di Lewis Hamilton. E invece, le qualifiche numero 11 di questa sfortunata stagione, Seb, non le ha neppure disputate.

PROBLEMI AL TURBO Ancora da accertare nel dettaglio - ma pare si tratti di un problema al turbocompressore - le cause della perdita di potenza sulla Rossa numero 5, che ha repentinamente smesso di funzionare non appena uscita dai box per l’inizio della prima sessione di qualifica. Così, il tedesco che tanto sperava di poter fare bene davanti al proprio pubblico è invece stato costretto a rientrare definitivamente ai box dopo un solo giro percorso lentamente in Q1: “No, non c’è stato nessun avvertimento. Giusto all’uscita dei box abbiamo avuto una perdita di potenza e riportato la macchina dentro”.

MI SENTO VUOTO Impossibile non notare nello sguardo del tedesco un evidente sconforto. Suffragato anche dalle (poche) parole espresse a caldo ai microfoni dei colleghi di Sky Sport F1: “Mi sento abbastanza vuoto, è una delusione molto amara. Specialmente qui e specialmente perché la macchina andava bene. Già ieri avevo delle buone sensazioni, stamattina le cose stavano andando ancora meglio. Non ero riuscito a mettere insieme il giro perfetto, motivo per cui ero convinto di avere un’ottima chance in qualifica. Ma invece non ho avuto nessuna possibilità, devo solo guardare alla gara di domani…”.


TAGS: ferrari formula 1 vettel hockenheim f1 GP germania f1 2019 GermanGP 2019