Autore:
Matteo Larini

BOTTAS A MURO Con un incidente dalla dinamica assai simile rispetto a quella dell'errore commesso nella stessa curva dal compagno Hamilton, Valtteri Bottas ha dovuto ritirarsi dal Gran Premio di Germania e dire addio alla possibilità di recuperare punti preziosi per il suo campionato, che lo vede a trentanove lunghezze dal compagno di squadra, ieri giunto undicesimo al traguardo, per poi raccogliere due punti solo dopo le penalità comminate alle Alfa Romeo. La débâcle Mercedes è stata totale.

GARA TOSTA Il pilota finlandese della Mercedes, il cui futuro in Mercedes è ancora in bilico, ha spiegato di aver dovuto affrontare delle condizioni davvero difficili e probanti, che lo hanno portato nel finale a sbagliare clamorosamente, rovinando la sua gara e la rincorsa al titolo: "È stata una gara davvero dura e sono molto deluso. È stato complicato: la pista era molto scivolosa e le condizioni sono cambiate continuamente. È stato molto facile commettere un errore e, sfortunatamente, alla fine ne ho commesso uno che ci ha fatto perdere molti punti. È un peccato perché era una buona opportunità per me di recuperare alcuni punti su Lewis ed è stata colpa mia se alla fine non ho ottenuto alcun punto".

OCCASIONE SPRECATA Il finnico, raccontando la sua uscita di pista, non nasconde la delusione, ma promette di tornare più forte la prossima settimana: "Avevo una grande possibilità di ottenere il podio e stavo spingendo molto per superare Stroll. Ero abbastanza vicino al limite nella curva 1, poi improvvisamente ho perso la parte posteriore. Non credo ci fosse tempo per riprendere la macchina. È molto deludente per l'intera squadra, ma daremo tutto per tornare più forti in Ungheria".

WOLFF RAMMARICATO Ovviamente, chi è ancora più deluso per un risultato decisamente insoddisfacente e ben sotto le aspettative (se sabato era stata la Ferrari a commettere un disastro, ieri la Mercedes ha fatto lo stesso) è il team principal Wolff, che analizzando la gara non ha cercato scuse per lo zero tedesco, poi diventato un +2 alcune ore dopo la bandiera a scacchi: "Questo risultato ci fa davvero male: è stato un disastro. Abbiamo avuto un discreto inizio di gara con un buon ritmo. Basta aggiungere incidenti, condizioni difficili ed errori di strategia e alla fine ti rimangono zero punti dopo essere stati in prima e seconda posizione nei primi passaggi".

FESTIVAL DEGLI ORRORI  L'austriaco ha poi spiegato il motivo che ha portato la pit-crew a impiegare quasi un minuto per sostituire il musetto e le gomme di Hamilton a seguito del suo errore, prima di spronare la squadra a fare meglio già all'Hungaroring, una volta compresi gli sbagli: "L'incidente di Lewis è avvenuto proprio all'ingresso del box, quindi non eravamo preparati quando è entrato. Valtteri è finito a muro come molti altri piloti, il che ha reso la nostra brutta giornata ancora peggiore. La nostra 200ª gara in Formula 1 è stata la giornata più difficile che abbiamo avuto da molto tempo, ma siamo uniti nel dolore così come nella gioia di vincere. Questo è il momento di guardare agli errori e di imparare da essi, così possiamo tornare più forti il prossimo fine settimana".


TAGS: mercedes hockenheim f1 wolff bottas f1 2019 W10 GP Germania 2019 GermanGP 2019