Autore:
Matteo Larini

VERSTAPPEN SECONDO Complice il disastro Ferrari, che ha messo fuori gioco entrambe le SF90 (favorite per la pole), la Red Bull è riuscita a portare entrambe le monoposto nelle prime due file: Verstappen è secondo, Gasly quarto. Se dovesse piovere in gara come previsto da vari centri metereologici, la compagine anglo-austriaca potrebbe anche puntare alla vittoria, che alla luce del passo-gara del venerdì potrebbe essere invece un affare privato Mercedes sull'asciutto, a meno che Leclerc (velocissimo anche sul passo) non compia una miracolosa rimonta dalla decima casella dello schieramento.

SODDISFAZIONE MAX Dato che, dopo la Q1, le Ferrari sembravano averne di più, Verstappen è felice di aver ottenuto la seconda posizione, che permette di pensare in grande in vista della gara: "Ho cominciato in modo conservativo in Q1. Sembravamo perdere un po' di aderenza tra Q2 e Q3, ma poi alla fine il secondo posto ci rende molto contenti, ci sono tanti fan olandesi che ci fanno essere molto felici, partiremo dalla prima fila e vedremo cosa possiamo fare domani. Potevamo essere più vicini, ma non credo avremmo potuto fare la pole, sono andato largo e ho perso un po' il posteriore ma comunque, come detto, è un bel risultato. Nella Q3 non ho sentito lo stesso feeling della Q1, forse perché la temperatura si è alzata. Però comunque partire secondi in questa gara è positivo e sono contento di questo".

PROBLEMA Q2 Nel corso della seconda sessione, per un breve tempo è sembrato che anche Max dovesse concludere la qualifica in anticipo per un problema al motore, poi risolto dai box. L'olandese, interpellato a fornire una spiegazione sull'accaduto, che lo ha anche costretto a cambiare strategia per il primo stint, ha spiegato: "Ho provato una mappatura diversa per quel tentativo ma, appena ho tagliato la linea del traguardo in qualche modo mi ha tagliato la potenza. Ho perso un po' di spinta, il mio giro era rovinato e sono dovuto tornare ai box per controllare tutto. Poi ho dovuto dunque usare le gomme Soft per qualificarmi, il che è stato un peccato perché volevo cercare di fare la stessa cosa fatta dagli altri. Ma è andata così, dobbiamo accettarlo. Nessun problema invece nel secondo tentativo in Q2 e poi in tutta la Q3".

GASLY QUARTO Sulla scia di Silverstone, Pierre Gasly ha ottenuto una buona prestazione anche in Germania, dove scatterà dalla quarta casella dello schieramento: è la miglior qualifica in carriera in Formula 1. Il transalpino è contento della sua prestazione: "È stata una buona qualifica, in particolar modo dopo il lavoro della notte dei meccanici in seguito all’incidente di ieri. La giornata è stata positiva. La vettura è stata abbastanza a posto, ci sono ancora delle aree da migliorare e potevo fare leggermente meglio. Peccato per l’ultimo giro. Ma sto trovando la quadra della situazione, resta ancora del margine per far meglio e continuerò a spingere". Il francese si aspetta una corsa ricca di colpi di scena, anche se non sa quale sia il suo passo-gara, a causa dell'incidente di ieri: "Il mio passo gara è un’incognita, ieri ho fatto solo due giri. Dunque non so molto, ma il ritmo di Max è stato abbastanza buono. Domani potrà succedere di tutto, sarà una gara divertente".


TAGS: red bull f1 GP germania max verstappen pierre gasly f1 2019 GermanGP 2019 Hockenheimring