Pubblicato il 04/07/20

SOSPIRO DI SOLLIEVO La F1 e la FIA hanno comunicato che non si sono riscontrate positività al Covid-19 nei 4.032 test effettuati negli ultimi sette giorni. Un'ottima notizia per il Circus, impegnato nel primo gran premio stagionale tra rigide misure di sicurezza per prevenire possibili focolai di coronavirus. I test sono stati effettuati privatamente su tutto il personale ammesso al fine settimana del GP Austria, dai piloti fino ai meccanici, e verrà ripetuto ogni cinque giorni.

BOLLETTINO OGNI SETTIMANA Il comunicato emesso questa mattina recita: ''La FIA e la F1 possono oggi confermare che tra venerdì 26 giugno e giovedì 2 luglio 4032 tra piloti, membri dei team e personale sono stati testati per il Covid-19. Di questi, zero persone hanno dato risultati positivi. La FIA e la F1 forniscono queste informazioni aggregate ai fini dell'integrità e della trasparenza della competizione. La F1 o la F1 non forniranno dettagli specifici su squadre o persone e i risultati saranno resi pubblici ogni sette giorni''.

UN POSITIVO NELLA NASCAR Se la F1 può tirare un sospiro di sollievo, c'è preoccupazione nel campionato americano Nascar. Jimmie Johnson è risultato positivo al coronavirus, sebbene asintomatico, così come la moglie Chandra. Il pilota della Chevrolet numero 48 del team Hendick Motorsports verrà sostituito da Justin Allgaier. Un membro della squadra che è stato a stretto contatto con Johnson si è messo in quarantena. Il pilota potrà tornare a gareggiare quando risulterà negativo a due test consecutivi, effettuati ad almeno 24 ore di distanza.


TAGS: f1 gp austria Coronavirus CoViD-19 AustrianGP 2020