Pubblicato il 02/07/20

SI RIPARTE! Primo weekend dell'anno, ciak 2: azione! Dopo la falsa partenza in Australia, la Formula 1 ricomincia dall'Austria, a quasi 16 mila km di distanza a dispetto del nome simile delle due nazioni, e lo fa con la tradizionale conferenza stampa del giovedì, rivoluzionata anch'essa però nella forma dal Covid-19, con distanze tra i piloti, mascherine e una sessione con la stampa per ciascun team, dall'ultimo al primo. Il ferrarista Charles Leclerc è stato tra i protagonisti della penultima tranche, quella con i due piloti Ferrari. In mattinata un bel giro della pista in bicicletta con i suoi meccanici ha rappresentato il primo assaggio reale di un circuito dopo aver passato gli ultimi mesi a gareggiare (e bene) nel mondo del simracing. Le aspettative per la gara di Spielberg, sfuggitagli l'anno scorso a pochi km dalla fine, non sono però altissime, visti i limiti palesati dalla Ferrari ai test di Barcellona.

PARTENZA IN SALITA ''È fantastico tornare a correre, è passato tantissimo tempo'' - ha esordito Charles - ''Sono stato piuttosto impegnato a livello 'virtuale', ma tornare a guidare per devvero è una sensazione pazzesca. Piuttosto questo sarà diverso da un weekend normale, perché siamo senza pubblico e in un paddock vuoto, ma sono comunque felice di poter tornare a correre''. Leclerc non nasconde però le sue preoccupazioni circa la competitività della sua auto: ''Dopo i test abbiamo visto che, soprattutto in qualifica, non eravamo dove avremmo voluto. Poi c'è stato il blocco generato dal Covid e, quando abbiamo potuto riprendere a lavorare, abbiamo analizzato i dati in poco tempo e deciso di fare un passo indietro, analizzare e capire da dove derivasse il problema iniziale, e lavorarci. Ma per prima cosa dovevamo comunque capire da dove veniva il problema. Abbiamo cercato una strada diversa e l'abbiamo intrapresa per Budapest, perché non c'era tempo di portare qui gli aggiornamenti''.

Sebastian Vettel e Charles Leclerc in pista il 23 giugno 2020 al Mugello con la Ferrari SF71H

AL MIELE SU VETTEL Charles ha usato parole che preoccuperanno i fan della Ferrari. Lo scorso anno fu poleman a Spielberg, ma quest'anno sente che difficilmente potrà replicare quella prestazione. ''Sarà una stagione impegnativa per noi, non sarà semplice. Ci sono tanti punti interrogativi e dovremo aspettare le qualifiche sabato per capire dove saremo, ma credo che siamo sicuri al 99% che faticheremo di più in questa occasione rispetto allo scorso anno''. Charles ha parlato infine della situazione particolare che lo vedrà coinvolto nei box con il compagno di squadra in partenza a fine anno, spendendo anche parole al miele su Sebastian Vettel: ''Lotteremo come lo scorso anno, non cambierà la situazione nel 2020 rispetto al 2019, però cercheremo anche di lavorare di squadra quando sarà necessario, perché questo porterà dei benefici anche a noi come piloti. Se Seb mi mancherà? Certo! Mi mancherà la sua esperienza, ho imparato tantissimo da lui e continuerò a imparare da lui fino a fine stagione. Mi mancherà sia come pilota sia come persona, mi è piaciuto moltissimo condividere il mio tempo con lui, ci sono state delle battaglie in pista che non sono finite come volevamo ma c'è sempre stato rispetto tra noi fuori dalla pista, e questo è positivo. Mi mancherà molto anche il modo in cui lavora con il team''.


TAGS: ferrari formula 1 vettel sebastian vettel Charles Leclerc austriangp leclerc f1 2020 GP Austria 2020 AustrianGP 2020