Pubblicato il 05/07/20

PIEDI PER TERRA Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto è un fiume di parole dopo il secondo posto a sorpresa del giovane talento monegasco Charles Leclerc nel Gran Premio d'Austria. Il tecnico italiano, intervistato nel paddock subito dopo la gara, ha però sottolineato tutte le circostanze che hanno portato a questo risultato, avendo ben chiaro che non sarà possibile avere sempre la stessa dose di fortuna e che dunque occorrerà spingere fortissimo sullo sviluppo. Per prima cosa, però, impossibile non complimentarsi con il giovane cavallino per quanto fatto in pista oggi

CHE SORPASSI! ''L'abbiamo detto a inizio weekend, siamo in difesa e dobbiamo cercare in qualche modo di massimizzare i risultati'' - ha esordito Binotto su Sky - ''Il secondo posto è una bellissima sorpresa, dopo la qualifica di ieri nessuno se lo aspettava, Charles he fatto una bellissima gara, difendendosi quando c'era da difendersi, portando la macchina al traguardo e facendo dei sorpassi fantastici. Siamo contenti per il secondo posto ma non scordiamoci i problemi di prestazione che abbiamo in questo momento. La qualifica era ieri ed è ben chiara davanti a noi, c'è molto da fare, già guardando alla prossima gara, il nostro obiettivo è cercare di migliorare ogni volta''.

PUNTI PERSI Se da un lato dei box si festeggia, l'altro resta cupo per l'ennesimo errore di Sebastian Vettel, che ha concluso mestamente decimo: ''Peccato per i punti persi oggi con Sebastian, soprattutto quando si pensa, per esempio, che Red Bull non ne ha fatti'' - ha commentato in merito Binotto - ''Era fondamentale per noi cercare di massimizzare i punti. In quel momento sicuramente Seb ha commesso un errore, lui dice che la macchina non era ben bilanciata oggi, faceva fatica a guidarla, e sicuramente quando un pilota è in difficoltà con la propria macchina magari commette qualche errore in più. Rimane il fatto che oggi si poteva fare meglio''.

STACCARSI DAL CENTRO GRUPPO Dopo un risultato del genere, sarebbe un peccato perdere tanti punti il prossimo fine settimana, prima dell'introduzione in Ungheria del nuovo pacchetto che dovrebbe riportare la Ferrari a livelli più consoni. Su questo Binotto aggiunge: ''Stiamo cercando di lavorare giorno e notte a Maranello per anticipare il più possibile gli aggiornamenti, farli arrivare la prossima settimana qui in Austria non solo è importante per il confronto diretto in pista, ma per cercare di migliorare la macchina, portarci avanti, e staccarci un po' da quel gruppo composto da McLaren, Renault o Racing Point, perché credo che la posizione della Ferrari non sia questa''.

F1, GP Austria 2020: Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) in lotta con Sebastian Vettel (Ferrari)

AHI AHI MOTORE Per farlo la Ferrari deve necessariamente recuperare kmh in rettilineo, ma questo resterà un problema anche in Ungheria, come spiega il team principal: ''Sicuramente abbiamo perso in prestazione motore, ci sono stati tanti chiarimenti, direttive tecniche che hanno intaccato un po' tutto. Senza guardare all'anno scorso dobbiamo rimanere concentrati su quest'anno, e già guardando alla qualifica si vede che abbiamo perso un secondo rispetto alla pole, e sette decimi sono di rettilineo. Abbiamo detto che questa macchina ha un problema aerodinamico che stiamo cercando di correggere, miglioreremo nelle curve dove ora siamo 2-3 decimi dietro, qui possiamo essere molto velocemente, lo speriamo, più forti e tornare dove dovremmo essere. Rimane il problema in rettilineo, dobbiamo ancora ben capire, perché la differenza è tanta, troppa''.

PORTARE A CASA L'AUTO Le aspettative sul mondiale, infine, non cambiano dopo il risultato a sorpresa di oggi: ''La fotografia di oggi è solo quella di oggi, già la prossima settimana le cose possono cambiare e da parte nostra dobbiamo migliorarci al più presto. Poi ci sono stati tanti problemi di affidabilità, incidenti, non tutte le macchine sono arrivate al traguardo, credo che l'inizio di campionato si caratterizzerà anche per questo aspetto qua, perché chi ha problemi di affidabilità non per forza li risolve in una settimana. Quindi, avendo gare così strette, i problemi si trascinano, e sarà un inizio di stagione da quel punto di vista con qualche sorpresa. Per noi sarà importante portare a casa l'auto e massimizzare i risultati, soprattutto in questa fase della stagione''.


TAGS: ferrari formula 1 sebastian vettel scuderia ferrari Charles Leclerc mattia binotto austriangp f1 2020 AustrianGP 2020