BREAKING NEWS Una notizia inattesa anima la mattinata del sabato di Sochi, dove si sta svolgendo il weekend del Gran Premio di Russia: la McLaren e la Renault porranno fine alla loro collaborazione e al contratto di fornitura dei motori al termine della stagione 2020. A Woking hanno scelto di cominciare la nuova era della Formula 1, quella che inizierà nel 2021 con i nuovi rivoluzionari regolamenti tecnici, affidandosi al vecchio partner storico con cui hanno conquistato tra il 1995 e il 2014 un titolo iridato costruttori (1998), tre piloti (Hakkinen 1998, 1999 e Hamilton 2008) e 78 vittorie in 351 GP assieme.

RENAULT PICCATA La scelta di Woking è stata resa nota stamattina con una serie di comunicati conginuti tra Renault, McLaren e Mercedes. Dopo la sfortunata parentesi con Honda (2015-2017) la McLaren aveva firmato con la casa francese e quella in corso è la seconda stagione assieme sulle tre di vita del contratto con la casa di Viry. I primi ad annunciare la rottura sono stati proprio gli uomini Renault, con il Managing Director Cyril Abiteboul che ha dichiarato: "Da quando la nostra partnership è iniziata, la McLaren è passata dal nono posto al quarto nel Campionato Costruttori, possiamo dunque considerarla un accordo di successo. Ciò nonostante la concluderemo nel 2020, è evidente che Renault e McLaren abbiano differenti ambizioni per il futuro." È evidente l'amarezza nelle parole di Abiteboul, che aggiunge: "Ognuno dei diversi elementi di questa decisione è stata valutato con attenzione nelle scorse settimane. Il 2021 sarà una stagione cruciale per tutti i team ed è importante avere una visione chiara e precisa della forza e delle ambizioni dei nostri competitors. La decisione è in linea con la visione della Renault di tornare al top. Continueremo a onorare i nostri accordi con la McLaren Racing anche la prossima stagione, come abbiamo sempre fatto nella nostra lunga storia di fornitore".

CASA MCLAREN Dalla McLaren arrivano le parole del CEO Zak Brown: "Questo accordo è un passo importante nel nostro piano a lungo termine di tornare al successo in Formula 1. Mercedes è il top, sia come team che come Power Unit, perciò è naturale che abbiamo guardato a loro per continuare la prossima fase del nostro viaggio. L'annuncio riflette la confidenza dei nostri azionisti ed è un potente messaggio ai nostri investitori, partner e tifosi, che la McLaren è destinata a tornare davanti." Andrea Seidl, team principal del team, aggiunge: "Il 2021 sarà un anno fondamentale per noi come team, e continuare la nostra rimonta verso la vetta è fondamentale, e ora ogni cosa è al suo posto per prepararci alla nuova era di questo sport. Renault rimane un valido partner e sarà in futuro un formidabile avversario, e continueremo ad essere legati fino alla scadenza naturale del contratto nel 2020."

CASA MERCEDES C'è invece soddisfazione in casa Mercedes per l'accordo raggiunto. Andy Cowell, responsabile delle Power Unit tedesche, ha dichiarato: "Sin da quando sono stati introdotti i motori ibridi nel 2014, questi sono stati il fiore all'occhiello del nostro team. L'approccio strategico che abbiamo avuto è stato un riferimento per tutto il resto del campo, siamo dunque lieti di poter espandere il nostro elenco di partner con un marchio storico come la McLaren. C'è una storia condivisa tra le due aziende e non vediamo l'ora di raggiungere nuovamente il successo assieme nel futuro." Infine Toto Wolff, team principal della Mercedes, ha aggiunto: "Siamo lieti di dare il benvenuto alla McLaren nella famiglia Mercedes con questo nuovo accordo di fornitura di Power Unit. Sebbene i due marchi condividano una storia prestigiosa, questo nuovo accordo riguarda il futuro e l'ininzio di una nuova era negli anni a venire. McLaren ha messo le basi negli ultimi anni per tornare a combattere al top, e il passo avanti fatto con Renault quest'anno è stato impressionante. Speriamo che il nostro nuovo accordo diventi un nuovo punto di riferimento, perché mirano a sfidare i migliori del lotto, incluso il nostro team Mercedes."


TAGS: renault mercedes formula 1 mclaren toto wolff zak brown f1 2021 f1 2019 Cyril Abiteboul Andreas Seidl RussianGP 2019 GP Russia 2019 McLaren-Mercedes McLaren-Renault