Autore:
Salvo Sardina

LECLERC C’È Chi pensava a un Charles Leclerc abbattuto dal secondo posto di Singapore, probabilmente sarà rimasto deluso. Il monegasco della Ferrari ha cominciato il weekend di Sochi esattamente da dove aveva finito qualche giorno fa. E cioè dalla prima posizione nelle prime libere del Gp di Russia, seguita dal secondo posto nelle PL2 alle spalle del sorprendente Max Verstappen. Ancor più positiva è stata però la simulazione di passo gara di fine sessione, con il monegasco apparso molto veloce e costante.

POMPIERE Si tratta solo di venerdì, ma la prova della competitività a Singapore può far realisticamente pensare a una Ferrari in palla anche nella (più veloce) pista di Sochi. Insomma, la Ferrari c’è e le impressioni del venerdì di Sochi confermano l’idea di una SF90 ritrovata anche sulle piste teoricamente poco amiche. Il monegasco però ha voluto giocare a carte coperte: “È stato un venerdì abbastanza positivo, ma penso che le Red Bull siano comunque forti. Siamo concentrati su noi stessi e c’è ancora molto lavoro da fare, specie nel tempo sul giro. Il bilanciamento non era esattamente quello che avrei desiderato, soprattutto in configurazione da qualifica. Sochi è una pista dove le gomme posteriori fanno un po’ fatica nel terzo settore, perciò forse si deve trovare un bilanciamento compromettendo il primo parziale”.

F1 GP Russia 2019, Sochi: Charles Leclerc (Ferrari) è stato il più veloce nella prima sessione

PASSO GARA Non manca però un po’ di soddisfazione per l’ottimo ritmo gara mostrato in pista nella seconda parte delle prove libere 2: “Sul passo gara siamo sembrati molto forti e questo è un aspetto positivo. Sono felice, ma abbiamo bisogno di continuare a lavorare. La Mercedes? È un team davvero molto forte, quindi dobbiamo continuare a lavorare duramente. Speriamo però di poter continuare questo nostro momento positivo”.


TAGS: ferrari formula 1 sochi f1 gp russia leclerc f1 2019 RussianGP 2019