Autore:
Matteo Larini

VERSTAPPEN 5° In un giorno in cui l'altra metà del box ha avuto un momento buio (Albon si è schiantato contro le barriere anzitempo in Q1), Max Verstappen non è riuscito a conquistare la prima fila, ma è comunque soddisfatto per quanto fatto in pista. A mancare, come ha ammesso lo stesso olandese, è stata la prestazione nel settore in cui ieri la Red Bull sembrava più a suo agio, ovvero quello contraddistinto da tante curve ad angolo retto.

FATICA T3 Intervistato dai colleghi di Sky, l'olandese ha raccontato così la sua sessione, che lo ha visto meno protagonista delle attese: "Ad essere sincero ieri è andata bene ma è stato un po' strano, perché le Ferrari non erano veloci in rettilineo, oggi hanno sfruttato al massimo il motore e una volta che guadagni un secondo in rettilineo è davvero tanto, era difficile compensare. A parte questo credo che da parte nostra abbiamo faticato un po' nell'ultimo settore, c'era un pochino più di vento oggi e abbiamo faticato di più, non sono riuscito a sfruttare il massimo potenziale della macchina, ma comunque ci siamo messi in mezzo alle due Mercedes quindi da parte nostra quello era il miglior risultato possibile".

MAGIE? A causa della penalità per la sostituzione del motore endotermico Honda, Max partirà nono, ma è comunque convinto di poter ben figurare in gara: "Mah non lo so [se faremo qualcosa di magico], vogliamo fare una partenza pulita dopodiché cercheremo di recuperare, ma realisticamente ambiamo alla quinta posizione o forse qualcosina in più".


TAGS: red bull sochi f1 gp russia verstappen f1 2019 RB15 RussianGP 2019 GP Russia 2019