MERCEDES 6 FORTISSIMA! La Mercedes è tornata a casa dal Giappone con la certezza matematica del suo sesto titolo Mondiale Costruttori consecutivo ma anche con la sicurezza che a vincere quello pilota sarà un suo pilota. Nella classifica iridata, infatti, Lewis Hamilton comanda con 338 punti conquistati e 64 di margine sul suo compagno Valtteri Bottas. Il più bravo degli inseguitori di un altro team è Charles Leclerc, con 223 punti e 115 di ritardo dal campione britannico. Ma essendoci a disposizione da qui alla fine dell'anno soltanto altri 100 punti più i 4 bonus per i giri veloci, non c'è modo per il monegasco di riprendere Hamilton.

DOPPIETTA PRENOTATA Lo stesso discorso è valido per Sebastian Vettel e Max Verstappen, entrambi a quota 212 punti, che possono al massimo aspirare - come Leclerc - al secondo posto di Bottas, che però è distante per loro 62 punti e per il giovane della Ferrari 51. In sostanza le prime due posizioni del mondiale sono quasi già definite, mentre si lotta ancora per la terza piazza con tre piloti raccolti in 11 punti. Ma cosa deve accadere perché si sia certi già domenica sera che il titolo vada a Lewis Hamilton e il secondo posto a Valtteri Bottas?

QUOTA 78 Il discorso è molto semplice. Lewis deve avere dopo la gara dell'Hermanos rodriguez 78 punti di margine su Bottas (mancheranno tre gare alla fine e dunque 75 punti in palio più 3 per il giro veloce). Arrivassero a pari punti avrebbe comunque ragione Hamilton, che ha sei vittorie più di Bottas (9 a 3) e anche il finlandese le vincesse tutte da qui alla fine potrebbe arrivare al massimo a 7. Valtteri Bottas ne dovrebbe avere invece 79 sul terzo in classifica, visto che non ha un margine di vittorie tali (3 lui, contro le due di Leclerc e Verstappen e la singola affermazione di Vettel) da consentirgli la sicurezza di arrivare davanti a parità di punti.

HAMILTON CAMPIONE SE... Nel primo caso Lewis Hamilton ha bisogno di guadagnare 14 punti sul compagno di scuderia per passare da +64 a +78. E dunque questi sono i casi in cui potrebbe avvenire:

- Se Hamilton vince con giro veloce (26 punti) e Bottas non fa meglio che quarto (12 punti)

- Se Hamilton vince senza giro veloce (25 punti) e Bottas non fa meglio che quinto (10 punti)

- Se Hamilton arriva secondo, con o senza giro veloce) (19 o 18 punti) e Bottas non fa meglio che ottavo, senza giro veloce (4 punti)

- Se Hamilton arriva terzo con giro veloce (16 punti) e Bottas non fa meglio che nono (2 punti)

- Se Hamilton arriva terzo senza giro veloce (15 punti) e Bottas non fa meglio che decimo, senza giro veloce (1 punto)

BOTTAS SECONDO SE... Nel secondo caso Valtteri Bottas necessita di guadagnare 28 punti su Leclerc, e non può farlo in una singola gara. Avrebbe potuto farlo se non fosse arrivata la squalifica per le Renault in Giappone. In quel caso avrebbe auto bisogno di allungare in classifica di 26 punti su Leclerc, ovvero vincere con giro veloce e sperare che il monegasco arrivasse fuori dalla top ten.


TAGS: mercedes formula 1 valtteri bottas lewis hamilton f1 2019 Hamilton campione se MexicoGP 2019 GP Messico 2019 F1 GP Messico 2019