Autore:
Antonio Albertini

VERSTAPPEN MEGLIO DI ALBON Reduce da due vittorie nelle ultime due edizioni del GP Messico, la Red Bull ha iniziato in maniera convincente questo weekend al circuito Hermanos Rodriguez. Max Verstappen e Alex Albon si sono classificati terzo e quarto nelle PL1, mentre nelle PL2 l'olandese è salito al secondo posto, a un solo decimo dal miglior tempo fatto segnare da Sebastian Vettel. Destino opposto per l'anglo-thailandese, la cui sessione si è interrotta dopo solo cinque giri a causa di un'uscita di pista con conseguente botto contro le barriere.

MAX SODDISFATTO Verstappen è soddisfatto del lavoro svolto nelle libere del venerdì, nelle quali ha dato buoni riscontri anche la simulazione di passo gara, soprattutto con le gomme medie. Anche se in vista delle qualifiche ammette che non sarà semplice ottenere quella pole position sfuggitagli per pochi millesimi lo scorso anno: "Turno più o meno in linea con le mie aspettative, mi aspettavo di trovarmi dove mi trovo adesso. Ovviamente si può sempre fare meglio, ma abbiamo fatto un buon lavoro, è un buon inizio. Le previsioni per la gara sono buone, devo solo capire come far durare un po' di più le gomme. Iniziare con le medie dipende da come andranno le qualifiche, stasera daremo un'occhiata, molti penso che inizieranno con la Soft, vedremo. Per la pole sarà difficile, il tracciato sarà complicato domani e sui rettilinei perdiamo un po'".

ALEX TROPPO AGGRESSIVO Albon dovrà vivere un sabato in salita, dopo aver perso quasi tutto il lavoro in programma nel pomeriggio messicano a causa dell'uscita di pista tra curva 7 e curva 8: "Non ho preso un rischio troppo grosso, sono stato solo un po' troppo aggressivo in entrata di curva - ha dichiarato riguardo il suo incidente - Non ho preso un rischio eccessivo. In generale con la macchina mi sentivo bene, qualche problemino qua e là ma in generale la situazione era soddisfacente".


TAGS: formula 1 red bull f1 GP messico verstappen f1 2019 Albon MexicoGP 2019 Hermanos Rodriguez