Autore:
Antonio Albertini

MIGLIOR TEMPO DI GIORNATA Inizio incoraggiante per Sebastian Vettel nelle libere del GP Messico. Il pilota della Ferrari ha chiuso il venerdì con il miglior tempo di giornata, 1:16.607, ottenuto nella sessione del pomeriggio e con buoni riscontri anche nelle simulazioni di passo gara. 

SEB GIARDINIERE E dire che il venerdì era iniziato con qualche contrattempo per Vettel, finito un paio di volte nella via di fuga di curva 1, al termine dell'impegnativa frenata che segue il lungo rettilineo del traguardo del circuito Hermanos Rodriguez: "Sono andato nell'erba nella prima sessione, ho provato a fare un po' di prato. Poi nel pomeriggio è andata meglio" ha commentato a riguardo con un sorriso che tradiva la soddisfazione per le sensazioni avute al volante della SF90 nel prosieguo della giornata.

F1 GP Messico 2019, Città del Messico: Sebastian Vettel (Ferrari) e Max Verstappen (Red Bull)

GOMME MEDIE OK Vettel si è concentrato in particolare sulle gomme medie, girando molto con questa mescola delle Pirelli, e mostrando un passo gara molto competitivo e costante anche sul lungo termine: "Oggi mi sono concentrato di più sulle medie e devo dire che reggono bene fino alla fine, quindi sono molto competitive comparate con le altre. Per quanto riguarda le Soft, non mi sono ancora concentrato su di loro, perché prima volevo studiare meglio le medie, avrò tempo di farlo più avanti".

DUBBIO STRATEGICO Meno convincente è apparso Charles Leclerc, che con l'altra Ferrari ha lavorarto di più sulla mescola più morbida a disposizione. In vista di qualifiche e gara, sembra esserci margine per valutare un passaggio dalla Q2 alla Q3 con le gomme medie, da sfruttare per iniziare il gran premio con uno stint più lungo: "Per domenica non so, ho visto che Charles ha avuto problemi con le Soft e anche altri piloti, quindi dobbiamo vsalutare bene che gomme montare - ha osservato a riguardo Vettel - Ancora non ne sono sicuro, dovremo vedere domani".


TAGS: ferrari pirelli formula 1 vettel f1 GP messico leclerc f1 2019 MexicoGP 2019 Hermanos Rodriguez