Autore:
Antonio Albertini

GIALLO DETERMINANTE La Ferrari interrompe il filotto di pole position, anche se Max Verstappen potrebbe perdere la prima posizione in griglia di partenza per aver ignorato le bandiere gialle,  ma Charles Leclerc può ritenersi comunque soddisfatto del risultato delle qualifiche del GP Messico. Il monegasco ha ottenuto il secondo tempo, nonostante il suo secondo tentativo nella Q3 sia stato macchiato da una serie di errori nella parte finale del giro che gli hanno impedito di migliorare la sua precedente prestazione. Il 22enne è stato però graziato dall'incidente di Valtteri Bottas, avvenuto pochi istanti dopo il suo passaggio nell'ultima curva del circuito Hermanos Rodriguez. La successiva bandiera gialla ha infatti costretto gli altri piloti di vertice, escluso il già citato Verstappen che ha fatto finta di nulla, ad alzare il piede dall'acceleratore dopo aver fatto segnare notevoli miglioramenti nei precedenti settori.

LA CAUSA DEGLI ERRORI Intervistato al termine delle qualifiche, Leclerc ha spiegato come mai il suo ultimo tentativo è statom così lontano dalla perfezione: "Il primo giro è stato piuttosto buono, nel secondo abbiamo cercato di cambiare un pochino il bilanciamento dei freni per avere un po' di più all'anteriore. Abbiamo perso qualcosa nell'ultimo settore, dopo quello che avevamo guadagnato nel primo e con quell'errore ho perso il tempo che avevo guadagnato prima".

VELOCITA' DA SFRUTTARE Indipendentemente da quelle che saranno le decisioni degli stewart su Verstappen, domani le due Ferrari partiranno seconda e terza e grazie al lungo rettilineo di partenza potranno sfruttare la loro velocità sul dritto per cercare di portarsi subito al comando: "Le Red Bull sono molto veloci, ma la gara sarà lunga domani - ha osservato Leclerc - Certamente la partenza sarà molto importante, la velocità di punta che abbiamo è molto buona e quindi speriamo di poterla sfruttare. Sarà un bello spettacolo".


TAGS: ferrari mercedes formula 1 red bull incidente f1 GP messico verstappen bottas leclerc f1 2019 MexicoGP 2019