Pubblicato il 22/06/21

LAYOUT DELUDENTE È uno degli appuntamenti più belli sul piano della scenografia e del contorno, ma negli ultimi anni si è confermato piuttosto deludente dal punto di vista dello show in pista. Parliamo del Gran Premio di Abu Dhabi, con il tracciato di Yas Marina finito sotto la lente d’ingrandimento per un layout che, da quando è stata istituita la tappa iridata nel lontano 2009 (qui l’albo d’oro), ha spesso assegnato il titolo mondiale al termine di gare decisamente soporifere. Insomma un circuito che da molti è ritenuto non degno di ospitare il season finale della categoria regina del motorsport e che finalmente potrebbe cambiare proprio a partire da questa stagione.

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: atmosfera

SI CAMBIA A confermare la volontà di modificare qualcosa per rendere la pista meno tortuosa e più adatta ai corpo a corpo tra monoposto che nel frattempo sono diventate più larghe, più lunghe e più pesanti che mai, è stato Saif Al-Noaimi, il Ceo di Yas Marina. Intervistato da Auto Hebdo, il manager ha ammesso di non essere contento della qualità delle gare viste negli ultimi anni e di voler fare qualcosa per migliorare lo spettacolo: “Stiamo cercando di migliorare le performance del nostro tracciato durante le gare. Abbiamo ascoltato gli spettatori, i tifosi, i piloti, la F1 e la Fia e adesso stiamo lavorando su quanto è emerso in questi incontri”.

GP Abu Dhabi 2020, Yas Marina: Alex Albon (Red Bull) guida il trenino inseguitore a inizio gara

QUALI MODIFICHE? Ancora non è chiaro quali saranno le modifiche apportate al layout del Yas Marina Circuit di Abu Dhabi, sebbene sembri praticamente scontata l’eliminazione della chicane del primo settore. Un cambiamento già previsto tra le varie configurazioni della pista e che porterebbe alla creazione di un T1 velocissimo in cui anche la staccata verso il tornantino successivo potrebbe fornire occasioni di sorpasso. Gli organizzatori, per il momento, tuttavia non si sbilanciano pur promettendo uno spettacolo migliore già nell’appuntamento conclusivo del 2021, che potrebbe tornare a essere decisivo per l’assegnazione dei titoli visto l’equilibrio al vertice tra Verstappen e Hamilton.

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: atmosfera

PRONTI PER IL 2021Dobbiamo ancora aspettare qualche settimana – ha concluso Al-Noaimi – prima di sapere con certezza quali saranno le modifiche che faremo al circuito, ma vi possiamo assicurare che tutto sarà pronto già per l’edizione 2021 del nostro GP. Naturalmente, l’obiettivo è quello di creare più battaglie in pista, vogliamo più opportunità di sorpasso realizzando un layout complessivamente più veloce considerando anche i regolamenti e le caratteristiche delle monoposto attuali. Non vediamo l’ora, anche perché ci auguriamo che la battaglia per il titolo si concluda qui alla fine della stagione”. Anche con la presenza del pubblico che, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, dovrebbe essere ammesso almeno al 30% della capienza nel fine settimana del 12 dicembre, salvo nuove e diverse disposizioni legate all’andamento della pandemia.


TAGS: formula 1 f1 f1 2021 GP Abu Dhabi AbuDhabiGP 2021 Yas Marina F1