Var F1 GP Abu Dhabi 2021: Mercedes protesta contro Masi
L'approfondimento

Var F1 GP Abu Dhabi 2021: perché la Mercedes protesta contro Michael Masi


Avatar di Salvo Sardina , il 13/12/21

1 mese fa - L'analisi alla moviola delle scelte degli steward a Yas Marina

L'analisi alla moviola delle scelte dei commissari a Yas Marina, nell'ennesimo weekend pirotecnico della stagione. L'analisi nel dettaglio di quanto accaduto in pista tra Hamilton e Verstappen
Benvenuto nello Speciale ABUDHABIGP 2021, composto da 33 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario ABUDHABIGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

Un Mondiale combattuto fino all’ultima curva non poteva che avere un finale pirotecnico anche sul piano degli episodi da moviola. Così, il GP di Abu Dhabi che si è chiuso con vittoria e titolo per Max Verstappen è destinato a lasciare un codazzo di polemiche memorabile, con Michael Masi di nuovo finito sul banco degli imputati. Nella nostra consueta analisi Var del lunedì, analizziamo nel dettaglio tutti gli episodi che hanno coinvolto il collegio dei commissari sportivi, capitanato per l’occasione dall’ex pilota inglese Derek Warwick.

PL3, Hamilton ostacola Mazepin: nessuna investigazione

Il primo episodio che riguarda Lewis Hamilton è relativo a quanto accaduto nella fase finale delle prove libere 3: l’inglese esce dalla corsia dei box trovandosi proprio in piena traiettoria mentre, alle sue spalle, arriva di gran carriera Nikita Mazepin, con il russo di casa Haas costretto a frenare e sterzare fuori pista per evitare un contatto, in una situazione molto simile a quella già vista sette giorni prima a Jeddah. Stavolta, però, il pilota Mercedes non viene neppure investigato: scelta corretta perché la situazione pericolosa è creata più dalla conformazione dell’uscita della pit-lane che non dall’imperizia dell’inglese, che va anche nella via di fuga per cercare di non ostacolare il giovane collega. Utile ricordare, infine, che Hamilton aveva già due reprimende nel corso della stagione e che quindi un eventuale terzo rimprovero avrebbe portato a una retrocessione di 10 caselle in griglia di partenza.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Lewis Hamilton (Mercedes) ostacola Nikita Mazepin (Haas) F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Lewis Hamilton (Mercedes) ostacola Nikita Mazepin (Haas)

Q1, Ocon ostacola Vettel: reprimenda

Passiamo alle qualifiche per la cronaca di una sessione estremamente condizionata dal traffico. Il primo a farne le spese è Sebastian Vettel che, al termine del suo primo giro in Q1, viene ostacolato da Esteban Ocon in curva 16. In effetti, il pilota di casa Alpine procede lentamente disturbando il rivale nel corso del suo tentativo cronometrato. La manovra viene comunque considerata meno grave rispetto agli “impeding” veri e propri, che solitamente causano una penalità di tre posizioni in griglia: per Ocon, in questo caso, arriverà solo una reprimenda (la seconda della stagione) perché, a causa della scarsa visibilità sugli specchietti, il francese non ha avuto tempo per reagire non appena si è accorto della presenza di Vettel alle sue spalle. Sebastian sarà poi disturbato da Carlos Sainz anche nel suo ultimo tentativo in Q1, ma in questo caso non ci sarà alcuna investigazione visto il distacco un po’ più ampio dal posteriore della Ferrari numero 55.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Sebastian Vettel (Aston Martin) ostacolato da Esteban Ocon (Alpine) F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Sebastian Vettel (Aston Martin) ostacolato da Esteban Ocon (Alpine)

VEDI ANCHE



Q2, Vettel ostacola Gasly: nessuna azione

Arriviamo alla seconda sessione eliminatoria, con Sebastian Vettel sempre protagonista. Il tedesco è accusato dall’AlphaTauri di aver rovinato il primo tentativo di Pierre Gasly, ostacolando il francese in curva 1. Giusta, però, la decisione dei commissari di non intervenire: l’ex Ferrari si è correttamente spostato fuori pista per lasciar passare il collega che, trovatosi comunque in aria “sporca”, ha abortito il giro dopo essere andato largo.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Pierre Gasly (AlphaTauri) ostacolato da Sebastian Vettel (Aston Martin) F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Pierre Gasly (AlphaTauri) ostacolato da Sebastian Vettel (Aston Martin)

Q2, Ricciardo ostacola Alonso: nessuna azione

Ultimo episodio delle qualifiche è relativo all’ipotesi di “impeding” di Fernando Alonso da parte di Daniel Ricciardo durante l’ultimo tentativo della Q2. Similmente a quanto accaduto tra Vettel e Ocon in Q1, lo spagnolo arriva in curva 16 di gran carriera, mentre la McLaren si sta ancora lanciando per il proprio giro veloce. Anche in questo caso, si decide di non penalizzare visto che Ricciardo si era ritrovato a chiudere un lungo trenino di auto che procedevano lentamente prima di lanciarsi, e che non avrebbe potuto fare molto per evitare di ostacolare Alonso (comunque disturbato in misura minore rispetto a quanto fatto da Ocon con Vettel).

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Fernando Alonso (Alpine) si lamenta con Daniel Ricciardo (McLaren) F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Fernando Alonso (Alpine) si lamenta con Daniel Ricciardo (McLaren)

Gara, Hamilton taglia curva 1 al primo giro: nessuna investigazione

Arriviamo adesso agli episodi caldi della gara, partendo dal taglio di chicane di Hamilton nel corso del primo giro dopo l’attacco di Verstappen. La situazione è davvero al limite, ma riteniamo giusta la scelta di non sanzionare Lewis né di chiedergli di cedere la prima posizione a Max: l’olandese attacca in maniera estremamente aggressiva riuscendo a restare in pista, ma comunque costringendo il rivale a sterzare verso destra per evitare un contatto. Dunque, è da ritenersi corretta l’interpretazione dei giudici, che hanno preferito lasciar correre valutando l’episodio come una mera situazione di gara.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: il nuovo scontro al via tra Verstappen (Red Bull) e Hamilton (Mercedes) F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: il nuovo scontro al via tra Verstappen (Red Bull) e Hamilton (Mercedes)

Gara, il ricorso Mercedes per la ripartenza-caos dopo la Safety Car: ricorso respinto

Dopo l’ingresso della Safety Car sul finale, Hamilton e Verstappen si trovano separati da ben cinque auto doppiate. Il regolamento sportivo prevede che il Direttore di gara possa (ma non è un obbligo, la scelta resta discrezionale) permettere ai piloti non a pieni giri di superare il leader e riaccodarsi in fondo al gruppo, stabilendo anche che, in questo caso, la ripartenza venga data al giro successivo in modo da permettere ai doppiati di prendere un po’ di spazio dai leader. Dunque, Michael Masi si ritrova sostanzialmente dinanzi a un bivio: far ripartire la gara per un ultimo giro, ma con cinque doppiati tra Lewis e Max, oppure far sdoppiare i piloti non a pieni giri e chiudere la corsa dietro la Safety Car. La decisione sarà, invece, quella di far ripartire la gara all’ultimo giro, facendo sdoppiare solo i cinque piloti che si trovano a separare i due leader del campionato. Una decisione piuttosto strana, evidentemente incentrata sulla necessità di fare show, ma che va palesemente a tutto svantaggio della Mercedes. Per questo, il team di Toto Wolff presenterà un reclamo a fine gara, che sarà comunque respinto dai commissari, i quali spiegheranno infine che il Direttore di gara ha pieni poteri sull’utilizzo della Safety Car. Una decisione destinata a far discutere a lungo.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Lewis Hamilton (Mercedes AMG F1) dietro la Safety Car F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Lewis Hamilton (Mercedes AMG F1) dietro la Safety Car

Gara, Verstappen supera Hamilton in regime di Safety Car: ricorso respinto

Ultimo episodio del caldissimo Mondiale 2021 è quello del presunto sorpasso di Max Verstappen ai danni di Lewis Hamilton in regime di Safety Car. Dopo aver ricevuto l’ok per la ripartenza all’ultimo giro, il leader della Mercedes prende spazio dalla Safety Car, rallentando in maniera piuttosto evidente in curva 11. Il rivale di casa Red Bull, per tutta risposta, gli si affianca per mettergli pressione, prendendo la posizione per questione di centimetri e frazioni di secondo. Un comportamento ovviamente illecito sotto Safety Car, che porterà Toto Wolff a presentare un altro reclamo a fine gara: anche in questo caso, però, i commissari daranno torto alla Stella a tre punte, stavolta giustamente. Vero è che Max ha superato Lewis, ma è anche vero che lo ha fatto solo per un momento, anche a causa del fatto che Hamilton procedeva molto lentamente. E, in ogni caso, la manovra non ha in nessun modo influito sul risultato finale del GP di Abu Dhabi.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Max Verstappen sorpassa Lewis Hamilton in regime di Safety Car F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: Max Verstappen sorpassa Lewis Hamilton in regime di Safety Car


Pubblicato da Salvo Sardina, 13/12/2021
Tags
Gallery
AbuDhabiGP 2021
Logo MotorBox