Var F1 GP Arabia Saudita 2021: rodeo tra Verstappen e Hamilton
L'approfondimento

Var F1 GP Arabia Saudita 2021: analisi nel dettaglio del rodeo Verstappen-Hamilton


Avatar di Salvo Sardina , il 06/12/21

8 mesi fa - L'analisi alla moviola delle scelte degli steward a Jeddah

L'analisi alla moviola delle scelte dei commissari a Jeddah, in un weekend condizionato dal duello rusticano tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. L'analisi nel dettaglio di quanto accaduto in pista tra i due pretendenti al titolo Mondiale F1 2021
Benvenuto nello Speciale SAUDIARABIANGP 2021, composto da 21 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SAUDIARABIANGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

Il finale di stagione si conferma particolarmente teso e, dopo i fine settimana in Brasile e Qatar, dominati dalle polemiche – più per la lentezza nel decidere che non per le decisioni in sé – nel weekend di Jeddah si arriva all’apoteosi dei veleni. Nella nostra consueta analisi Var del lunedì, analizziamo nel dettaglio tutti gli episodi da moviola che hanno visto protagonisti il Direttore di gara Michael Masi e il collegio dei commissari Fia capitanati dall’italiano Vitantonio Liuzzi (già presente a Interlagos):

PL3, Hamilton non rispetta le doppie bandiera gialla: nessuna azione

Hamilton è il grandissimo protagonista del weekend, insieme al rivale Verstappen. Per il primo episodio andiamo alle prove libere 3 di sabato, quando nell’arco di pochi minuti Lewis finisce al centro di una doppia investigazione. La prima è relativa al mancato rispetto delle doppie bandiere gialle ma, alla fine, il pilota Mercedes è giustamente scagionato: nel corso di un giro lanciato, l’inglese si approccia alla monoposto di Tsunoda, che procede lentamente e si sposta fuori pista per farlo passare. Una manovra, questa, che ha fatto accidentalmente scattare il sistema elettronico che dispone le doppie bandiere gialle: considerando che non c’era alcun pericolo reale e che comunque Hamilton aveva già superato il pannello indicante la doppia bandiera gialla, peraltro non sventolata dai commissari di percorso né segnalata sul volante del pilota, è corretta la scelta di non sanzionare.

F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Tsunoda va fuori pista per far passare Hamilton (sulla destra) F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Tsunoda va fuori pista per far passare Hamilton (sulla destra)

PL3, Hamilton ostacola Mazepin: reprimenda

Il secondo episodio in PL3 si riferisce all’impeding di Hamilton nei confronti di Mazepin, costretto a sterzare fuori pista per evitare un rovinoso contatto con il campione della Mercedes. L’incidente sarà per fortuna evitato, con il russo particolarmente reattivo e l’inglese molto arrabbiato con il muretto per non essere stato avvisato dell’arrivo del collega di casa Haas. Giusto, comunque, visto che si trattava solo di prove libere e non di una sessione ufficiale (in quel caso avremmo avuto di certo una penalità in griglia) evitare il pugno duro: Hamilton sarà sanzionato con una reprimenda ufficiale – la seconda della stagione, in caso di ulteriore rimprovero arriveranno 10 posizioni di penalità – mentre il team Mercedes multato di 25.000 euro per non aver avvisato tempestivamente il pilota.

Q1, Gasly ostacola Sainz: avvertimento

Prima del caos della gara, l’unico episodio da analizzare in qualifica è quello relativo all’impedimento di Pierre Gasly ai danni del ferrarista Carlos Sainz. Il pilota della rossa, in curva 3, si vede quasi tagliare la strada dal collega dell’AlphaTauri, alla fine richiamato ufficialmente dalla Direzione gara. Non ci sarà, invece, una penalità vera e propria visto che entrambi si trovavano in un giro di raffreddamento.

F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Pierre Gasly (AlphaTauri) ostacola Carlos Sainz (Ferrari) F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Pierre Gasly (AlphaTauri) ostacola Carlos Sainz (Ferrari)

Q2, Bottas a contatto con Raikkonen: nessuna investigazione

Ha fatto discutere il contatto ruota a ruota, avvenuto nel corso della Q2, tra Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen. Il campione del mondo 2007, sorpassa il connazionale in uscita da curva 17, proprio mentre il pilota Mercedes sta accelerando. Inevitabile la toccata, ma giusto anche non sanzionare (in realtà non c’è stata neppure un’investigazione ufficiale): entrambi si trovavano nel giro di lancio e l’incidente, senza conseguenze per entrambi, risulta essere effetto di una normale incomprensione tra i due.

Gara, Verstappen taglia curva 1 alla ripartenza: richiesta di cedere la posizione

Dopo la prima bandiera rossa, Max Verstappen si trova in pole position per effetto della scelta strategica di non fermarsi ai box in regime di Safety Car. L’olandese parte un po’ a rilento con gomme Hard nuove ed è bruciato sullo spunto da Hamilton, scattato dalla seconda casella. In curva 1, un po’ come a Monza, pur essendo alle spalle di Lewis, Max ritarda la frenata e si affianca al rivale, tagliando poi fuori pista per provare a mantenere la posizione. Una mossa ovviamente non lecita che causerà anche il sorpasso di Ocon ai danni di Hamilton. E che sarà giustamente – anche se ci sarebbe da ridire sulle modalità con cui l’ordine è stato ristabilito – punita con l’arretramento dell’olandese nella griglia della terza ripartenza.

VEDI ANCHE



F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Lewis Hamilton (Mercedes) e Max Verstappen (Red Bull) al via F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Lewis Hamilton (Mercedes) e Max Verstappen (Red Bull) al via

Gara, Leclerc a contatto con Perez: nessuna azione

Al secondo spegnimento dei semafori, la bandiera rossa numero 2 è causata dal contatto tra Leclerc e Perez, che manda in testacoda il pilota messicano e poi innesca la carambola che vede coinvolti anche Russell e Mazepin. Giusta, però, la scelta di non sanzionare nessuno dei due per quanto accaduto in ripartenza: Checo scavalca Charles, che però non ha spazio ed è chiuso tra la Red Bull e il muretto. Inevitabile, a quel punto, l’incidente, causato più dalla conformazione della pista che non da errori dei piloti.

F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Charles Leclerc (Ferrari) stretto a muro da Sergio Perez (Red Bull) F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Charles Leclerc (Ferrari) stretto a muro da Sergio Perez (Red Bull)

Gara, Tsunoda tampona Vettel: 5 secondi di penalità

Dopo la terza (e ultima) ripartenza, Yuki Tsunoda finisce a contatto con Sebastian Vettel dopo aver tentato l’attacco all’esterno di curva 1. Sacrosanta la penalità per il pilota giapponese, che spedisce il tedesco contro le barriere e rompe l’ala anteriore causando il regime di Virtual Safety Car. Il giovane di casa AlphaTauri sarà anche sanzionato con 2 punti sulla Superlicenza.  

Gara, Verstappen taglia curva 1 per difendersi da Hamilton: 5 secondi di penalità

Nel corso del giro 37 dei 50 previsti, Hamilton si trova molto vicino a Verstappen e, con il Drs, affonda il primo attacco sul rettilineo di partenza. Max ancora una volta tenta la staccata della vita per resistere all’offensiva del rivale e, dopo una scodata del posteriore, finisce lungo a tagliare la chicane di curva 1, mentre Lewis è costretto ad allargare la traiettoria per evitare l’incidente. Una manovra ovviamente non consentita che ricorda quella (non punita) nel GP Brasile, stante il fatto che Verstappen ha guadagnato terreno e mantenuto la posizione, passando dalle vie di fuga in asfalto. Dopo qualche minuto, in cui era stato chiesto all’olandese di cedere la posizione – il primo tentativo, effettuato nello stesso giro 37, come vedremo non andrà a buon fine – e la successiva scelta del pilota Red Bull di tornare a spingere per prendere un vantaggio su Hamilton, salvo poi lasciar passare Lewis al giro 42 e poi riprendersi la vetta pochi metri dopo, arriverà dunque la sanzione: 5 secondi di penalità da aggiungere al tempo finale di gara e un punto sulla Superlicenza Fia. Inutile, invece, l’effettiva restituzione della posizione, avvenuta nel giro 43, quando la penalità era stata già stabilita.

Gara, Hamilton tampona Verstappen: 10 secondi di penalità per Max

Arriviamo infine all’ultimo e più controverso episodio del weekend, quello del tamponamento di Hamilton ai danni di Verstappen nel momento in cui, prima della curva che immette sul rettilineo del traguardo, Max rallenta per lasciarlo passare. Se, all’inizio, sembrava poterci essere una responsabilità di Lewis, disattento in occasione del contatto, in realtà i giudici ribalteranno la sentenza optando per la colpevolezza di Max. L’olandese, oltre a rallentare sensibilmente pur senza spostarsi dalla traiettoria, ha anche agito sul pedale del freno proprio con la Mercedes sugli scarichi, causando così l’incidente che ha danneggiato l’ala anteriore della monoposto di Hamilton. Proprio i dati telemetrici analizzati dai commissari saranno determinanti per la decisione di punire il leader del mondiale con 10 secondi di penalità (non influenti sul risultato finale, che vedrà comunque Max al secondo posto) e 2 punti sulla Superlicenza Fia.


Pubblicato da Salvo Sardina, 06/12/2021
Tags
Gallery
SaudiArabianGP 2021
Logo MotorBox