La Red Bull non ci sta e spera in una penalità per Hamilton
F1 2021

Red Bull offesa e arrabbiata: "È inaccettabile. Speriamo in una punizione per Hamilton"


Avatar di Luca Manacorda , il 06/12/21

1 mese fa - Horner e Marko criticano le decisioni degli stewart contro Verstappen

Horner e Marko criticano le decisioni degli stewart contro Verstappen e preparano un reclamo
Benvenuto nello Speciale SAUDIARABIANGP 2021, composto da 21 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SAUDIARABIANGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

MAX COLPEVOLE DUE VOLTE La lotta per il titolo mondiale 2021 è oramai letteralmente senza esclusione di colpi, come hanno dimostrato i nuovi duelli in pista tra Max Verstappen e Lewis Hamilton, culminati nel clamoroso tamponamento visto nel finale del GP Arabia Saudita. Al termine della gara, gli steward hanno giudicato colpevole l'olandese sia per la mancata restituzione della posizione dopo essere uscito dalla pista durante il precedente attacco del britannico sia per la sua condotta nel momento in cui ha provato a lasciarsi superare dal rivale, frenando troppo bruscamente. La telemetria ha rivelato una pressione sul pedale di 69 bar e una decelerazione di 2,4G appena prima del tamponamento, dati che si sono rivelati determinanti per definire la colpevolezza di Verstappen. Le conseguenti penalità sono risultate però ininfluenti: il 24enne ha ricevuto rispettivamente 5 e 10 secondi aggiuntivi sul tempo finale che non gli sono costati il secondo posto, oltre a un totale di 3 punti di penalità sulla Superlicenza che portano il suo totale nei 12 mesi a 7, ben lontano dai 12 che comportano lo stop per una gara.

F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: contatto tra Hamilton e Verstappen F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: contatto tra Hamilton e Verstappen

VEDI ANCHE



RED BULL VITTIMA Nonostante queste evidenze, le decisioni non sono state accettate dalla Red Bull. Chris Horner ha bocciato l'operato del direttore di gara Michael Masi e degli steward: ''Tutte le decisioni oggi erano contro di noi. Era già stato così in Qatar. Odio dirlo, ma alla F1 oggi manca Charlie Whiting. Un uomo con quel livello di esperienza era necessario qui in queste circostanze''. La replica di Toto Wolff a queste considerazioni non si è fatta attendere: ''Potevamo uscirne un paio di volte con un'ala rotta. Non voglio lavare i panni sporchi in pubblico, ma va valutata e analizzata. È molto duro e forse esagerato. Noi vogliamo solo avere un campionato pulito e che vinca il migliore. Se sarà Max, sarò in pace con me stesso, ma deve essere una partita leale''.

MARKO SCATENATO Come spesso accade, è soprattutto Helmut Marko ad aggiungere pepe al punto di vista della Red Bull. Nonostante i dati della telemetria, il consigliere austriaco ha negato che Verstappen abbia effettuato quel ''brake test'' che ha provocato il tamponamento di Hamilton: ''Per prima cosa, possiamo smentire questo cosiddetto test dei freni per il quale Hamilton era così sconvolto - ha dichiarato a Sky Germania - Non ho visto nulla di strano. Nessun cambiamento sulla pressione dei freni può essere notato dai nostri dati. Hamilton ha solo calcolato male. Poi noi abbiamo ricevuto una penalità, mentre le gomme di Max sono state danneggiate con due grossi tagli. Dovevamo essere felici solo per aver tagliato il traguardo''.

F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Lewis Hamilton (Mercedes) e Max Verstappen (Red Bull) al via F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: Lewis Hamilton (Mercedes) e Max Verstappen (Red Bull) al via

MINACCIA DI RECLAMI Gli affondi di Marko sono poi proseguiti in altre interviste. Ai microfoni di Servus Tv, emittente austriaca di proprietà di Dietrich Mateschitz (il proprietario della Red Bull, ndr), ha aggiunto: ''Non può andare avanti così. Appena Max mostra i denti prende una penalità, ma se Hamilton lo spinge fuori pista a quanto pare non c'è niente che non va - ha dichiarato riferendosi alla prima ripartenza dopo la bandiera rossa - Non può continuare così, è inaccettabile. Al momento valuteremo tutto e riferiremo alla FIA su alcune cose''. Alla Bild ha poi spiegato qual è la speranza della Red Bull: ''Speriamo che ci sia una nuova valutazione dove potremo corroborare il nostro punto di vista con i fatti e poi si spera che ci sarà una punizione per Hamilton''. Il Mondiale più bello degli ultimi anni rischia di concludersi in un clima davvero avvelenato.


Pubblicato da Luca Manacorda, 06/12/2021
Tags
SaudiArabianGP 2021
Logo MotorBox