Fia apre inchiesta su Abu Dhabi e stoppa l'appello Mercedes
F1 2021

La Fia apre un'inchiesta su Abu Dhabi e convince Mercedes a non presentare appello


Avatar di Salvo Sardina , il 16/12/21

1 mese fa - L'epilogo finale di una stagione entusiasmante ma piena di veleni e polemiche

L'epilogo di una stagione entusiasmante ma piena di veleni: non ci sarà alcun appello da Stoccarda, che accetta la proposta Fia di aprire un'inchiesta per evitare che i fatti di Abu Dhabi si ripetano in futuro
Benvenuto nello Speciale ABUDHABIGP 2021, composto da 33 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario ABUDHABIGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

La Mercedes rinuncia a proseguire in tribunale la sua battaglia contro la Fia dopo i fatti che hanno condizionato il finale dello scorso GP Abu Dhabi. La scuderia di Toto Wolff si era riservata la possibilità di appellarsi alla decisione dei commissari sportivi di Yas Marina, che avevano rigettato il ricorso presentato dopo la bandiera a scacchi. La contestazione era relativa all’utilizzo della Safety Car e alla decisione di Michael Masi di far sdoppiare soltanto i cinque piloti che separavano Hamilton e Verstappen, esponendo dunque il pilota inglese a un sorpasso certo all’ultimo giro dell’ultimo GP della stagione.

F1, GP Arabia Saudita 2021: Lewis Hamilton con il padre Anthony a fine gara F1, GP Arabia Saudita 2021: Lewis Hamilton con il padre Anthony a fine gara

LA FIA CONVINCE TOTO La decisione di rinunciare all’appello, che poteva essere presentato fino alle 20.00 di stasera, è immediatamente successiva al comunicato di ieri, in cui la Federazione Internazionale dell’Automobile aveva dichiarato di voler aprire un’inchiesta interna per comprendere a fondo quanto accaduto nel convulso finale del GP Abu Dhabi, anche nell’ottica di trovare dei rimedi per evitare ulteriori codazzi di polemiche in futuro. La decisione dell’organismo che scrive le regole e ne controlla l’applicazione, in risposta ai veleni del post Yas Marina, è di fatto quasi un’ammissione di responsabilità. Che evidentemente ha convinto la Mercedes al dietrofront, sia per il bene dello sport che per venire incontro alle richieste di Sir Lewis Hamilton, che avrebbe manifestato la volontà di accettare il risultato della pista.

VEDI ANCHE



F1, GP Abu Dhabi 2021: Toto Wolff con la moglie Susie F1, GP Abu Dhabi 2021: Toto Wolff con la moglie Susie

L’INCHIESTA L’obiettivo dell’inchiesta, si legge tra le righe della lunga nota diramata nella serata di ieri, a margine dell’ultimo World Motor Sport Council presieduto dall’uscente Jean Todt, è quello di capire cosa non ha funzionato nel processo decisionale del contestato Direttore di gara Michael Masi sul finale del GP di domenica scorsa. “La principale responsabilità della Fia – si legge nel comunicato – è quella di assicurarsi che sussistano le condizioni di sicurezza in pista e di integrità dello sport. Le circostanze relative all’utilizzo della Safety Car dopo l’incidente di Nicholas Latifi e le successive discussioni tra la Direzione gara e i team coinvolti hanno generato un grosso malinteso tra le squadre, i ploti, e gli appassionati. Una situazione che macchia l’immagine del Campionato. La questione sarà discussa con tutti i soggetti coinvolti e permetterà di trarre un’importante lezione per il futuro che preserverà l’integrità dello sport, utile sia per la Formula 1 che per tutti i campionati Fia. La proposta del presidente Jean Todt di aprire un’inchiesta è stata unanimemente approvata dal Consiglio Mondiale”.

F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: il sorpasso decisivo di Verstappen (Red Bull) su Hamilton (Mercedes) F1 GP Abu Dhabi 2021, Yas Marina: il sorpasso decisivo di Verstappen (Red Bull) su Hamilton (Mercedes)

LA RISPOSTA MERCEDES Così, nella mattinata di oggi, è arrivata la pronta replica del team di Toto Wolff: “Abbiamo deciso di ritirare l’appello. Insieme a Lewis, abbiamo ragionato con calma su come reagire agli eventi del finale di stagione F1. Ci siamo appellati nell’interesse della correttezza dello sport, ma abbiamo anche aperto un dialogo costruttivo con Fia e Formula 1, per avere chiarezza in futuro in modo che tutti i concorrenti possano conoscere le regole che decidono la competizione. Per questo, accogliamo con piacere la scelta della Fia di formare una commissione che analizzerà i fatti di Abu Dhabi e che migliorerà la solidità delle regole e dei meccanismi decisionali in F1. Siamo anche soddisfatti che piloti e squadre siano stati invitati a farne parte. Vogliamo anche esprimere il nostro sincero rispetto a Max Verstappen e alla Red Bull per i risultati ottenuti in questa stagione. Avete reso questo finale di stagione assolutamente epico, ci congratuliamo con Max e con tutto il team. Non vediamo l’ora di tornare a lottare con voi nella prossima stagione”.


Pubblicato da Salvo Sardina, 16/12/2021
Tags
AbuDhabiGP 2021
Logo MotorBox