Autore:
Salvo Sardina

DIMENTICARE L’AUSTRIA Due settimane dopo la vittoria sfumata a Spielberg per effetto del discusso sorpasso al giro 69 su 71 per mano di Max Verstappen, Charles Leclerc è pronto per tuffarsi nell’avventura di Silverstone. La storica pista del Gran Premio di Gran Bretagna – che ha appena rinnovato con la F1 fino al 2024 – certo non sembra particolarmente favorevole per la SF90. Ma il giovane pilota monegasco si è presentato alla stampa sereno dopo quanto accaduto in Austria e comunque convinto di poter fare bene anche in Inghilterra: “Non ho avuto nessun problema dopo l’ultima gara, è stato molto facile per me voltare pagina”.

VOLTARE PAGINA Nonostante la volontà di Charles di passare oltre, era impossibile però che l’argomento caldo, il contatto con Verstappen che ha di fatto deciso le sorti del Gp al Red Bull Ring, non venisse toccato. “L’unica cosa – ha spiegato Leclerc in merito alla mancata penalizzazione del rivale – è che mi sarebbe piaciuta un po’ più di coerenza rispetto alle decisioni passate. Ci sono stati molti altri incidenti simili che sono stati sanzionati. Ma, se da oggi possiamo correre in questo modo, allora io sono più che contento di poter correre in questo modo. Credo che sia giusto per la Formula 1 e che sia esattamente quello che noi piloti vogliamo. Dobbiamo solo sapere cosa aspettarci dagli steward, quindi sarebbe meglio se la cosa fosse ufficiale in modo che tutti ne venissero a conoscenza. Ma credo che adesso sarà possibile guidare in maniera un po’ più aggressiva”.

RIVALITÀ STORICA Leclerc è poi tornato sul video, divenuto virale nei minuti immediatamente successivi il contatto con Verstappen, che ripercorre una clamorosa polemica intercorsa tra i due al termine di una gara del campionato europeo di kart nel lontano 2012: “Sì, è stato divertente rivedere quelle immagini un po’ ovunque sui social. In quel caso, io dicevo che si era trattato di un incidente di gara mentre lui mi accusava di averlo spinto fuori pista. Sette anni dopo è successo lo stesso, ma a parti invertite, in Formula 1. La cosa mi ricorda quanta strada abbiamo fatto insieme, all’epoca eravamo due bambini che sognavano la F1, mentre adesso lottiamo l’uno contro l’altro con i colori di due top team… È grandioso. La nostra relazione? Non siamo migliori amici, ma è molto migliorata. Quando eravamo piccoli sono successe delle cose in pista e siamo diventati nemici, ma adesso, pur essendo ancora molto giovani, siamo entrambi maturati tanto”.


TAGS: ferrari formula 1 f1 leclerc f1 2019 gp gran bretagna BritishGP 2019