Autore:
Luca Cereda

DEI DUE MONDI Rinata con capitali cinesi – lo storico marchio rimane ma è sotto controllo del Gruppo BAIC – la Borgward fa un salto temporale di oltre 50 anni, dalla classicheggiante Isabella a questa Borgward BX7, suv che mixa linee smaccatamente teutoniche a un frontale “bold” di stampo americano. Quasi, Buick verrebbe da dire…

PER CINQUE, SEI O SETTE Solo poche immagini e qualche indiscrezione, per il momento, su questa novità assoluta in passerella per la prima volta al Salone di Francoforte 2015. Aspettando la presentazione, rumors quotano la lunghezza intorno ai 4,7 metri, l’abitabilità per un massimo di sette posti dichiarati e, sotto il cofano della Borgward BX7, un duemila turbobenzina da 224 cv abbinato a un cambio doppia frizione, pronto a scaricare la potenza su tutte e quattro le ruote. Negli interni dovrebbe invece trovare posto un sistema di infotainment con schermo abbondante (12,3 pollici), connettività completa e hotspot wifi.

ANCHE IBRIDA Sempre a Francoforte, poi, Borgward dovrebbe introdurre anche la variante top-di-gamma della BX7 con motore ibrido. Si parla, qui, di una potenza di sistema di 401 cv, grazie al gioco di squadra tra batteria (55 km d’autonomia in solo elettrico), un motore elettrico al posteriore e quello termico all’anteriore. Anche questa, ovviamente, a trazione integrale. 


TAGS: salone di francoforte Salone di Francoforte 2015 iaa 2015 Borgward BX7