Novità auto

Skoda Superb SportLine e GreenLine 2016


Avatar Redazionale , il 05/09/15

6 anni fa - L'ammiraglia Skoda sfila all'IAA in diverse varianti

L'ammiraglia Skoda sfila all'IAA 2015 mostrando, da una parte, la sua anima sportiva e, dall'altra, grande attenzione all'ambiente

Benvenuto nello Speciale SALONE DI FRANCOFORTE 2015: TUTTE LE NOVITÀ, composto da 81 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SALONE DI FRANCOFORTE 2015: TUTTE LE NOVITÀ qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

CONTORNO RICCO La Skoda Superb rappresenta senza dubbio la principale novità del 2015 per Casa ceca. La berlina è stata al centro dei riflettori a Ginevra, a marzo, mentre ora, al Salone di Francoforte, tocca alla variante wagon il ruolo di primadonna. A ben vedere, però, la macchina è già stata vista e provata (il nostro test si trova tra le notizie correlate) e così a Mlada Boleslav hanno deciso di mettere sul piatto anche un contorno sostanzioso, per soddisfare l'esigente palato del pubblico tedesco e degli addetti ai lavori. Sto parlando degli allestimenti SportLine e GreenLine, che testimoniano come l'ammiraglia della Freccia Alata sia a suo agio in qualsiasi veste, sportiva o amica dell'ambiente (e del portafogli).

VEDI ANCHE



SPORTLINE La Skoda Superb SportLine è proposta in entrambe le varianti di carrozzeria e con tutti i motori a catalogo eccetto quelli d'accesso alle gamme diesel e benzina. Per riconoscerla non serve essere grandi fisionomisti, anche se i designer hanno usato come parola d'ordine "sobretà". La SportLine sfoggia cerchi da 18 o 19 pollici, vetri posteriori scuri e un assetto sportivo, ribassato di 15 mm. All'interno i segni particolari sono invece il volante a tre razze e il pomello del cambio con rivestimento in pelle, i sedili sportivi, la pedaliera in allumiminio e le finiture in carbonio.

GREENLINE La Skoda Superb GreenLine sorprende invece più con i numeri che non con il look, dato che serve un bell'occhio clinico per notare a prima vista i piccoli aggiustamenti all'aerodinamica e la presenza di pneumatici con bassa resistenza al rotolamento. Sono loro, assieme alla rapportatura rivista del cambio, a permettere al TDI 1.6 da 120 cv che si trova sotto il cofano di accontentarsi di soli 3,7 litri nei 100 km del ciclo di omologazione, emettendo appena 95 g/km di CO2. Il tutto per un'autonomia dichiarata da primato, pari a 1.780 km.


Pubblicato da Paolo Sardi, 05/09/2015
salone di francoforte 2015: tutte le novità
Logo MotorBox