Autore:
Marco Rocca

NON SI FANNO PRIGIONIERI “In amore e in guerra tutto è lecito” diceva un vecchio proverbio. Ora però, mettiamo da parte l’amore e concentriamoci sulla guerra, proprio quella che Peugeot ha dichiarato alla concorrenza delle hatchback ad alte prestazioni con la nuova 308 GTi. Diamo subito i numeri che contano: benzina 1.6 THP da 250 o 270 cavalli (perché i livelli di potenza sono due), 0-100 in 6 secondi netti e un ganzsissimo differenziale Torsen mutuato dalla RCZ-R.

COME LA RICONOSCO? In effetti quelli di Peugeot hanno sempre avuto il grosso pregio di conservare intatte eleganza e sobrietà anche quando si dedicano alle versioni più pepate (a parte la nuova livrea bicolore rosso Ultimate al nero Perla, ma quelli sono gusti). Anche sulla più potente delle 308 la musica non è cambiata, per fortuna. L’allestimento GTi si riconosce da pochi ma significativi dettagli come l’assetto ribassato di 11 millimetri, i paraurti specifici, fari full-LED (compresi gli indicatori di direzione), terminale di scarico a due uscite e nuove appendici aerodinamiche.

DALL’INTERNO Nell’abitacolo invece fanno bella mostra cuciture rosse per sedili e plancia e tanti particolari in alluminio come il pomello del cambio (che si arroventa d’estate e si congela d’inverno) il poggiapiede e la pedaliera sportiva. Non potevano mancare bellissimi sedili a guscio, riservati però solo alla versione da 270 cavalli che può vantare anche cerchi in lega da 19 pollici e grossi dischi anteriori da 380 mm con pinza rossa a quattro pistoncini mutuati anche loro dalla RCZ-R.

OCCHIO NON VEDE… Anche dove l’occhio non arriva ci sono state significative modifiche. Mi riferisco all’assetto che ha beneficiato di un irrigidimento delle molle, di una taratura specifica degli ammortizzatori e infine di tamponi, irrigiditi e allungati, per intervenire sin dall’inizio della compressione quando il conducente è da solo a bordo.

CHE BEL RAPPORTO Per il momento non si conoscono i dati relativi al consumo ma in linea di massima saranno quelli della RCZ-R con cui condivide il motore. Detto questo però, la Casa del Leone ha diffuso il dato sul rapporto peso/potenza della versione da 270 cavalli. Carta alla mano, ogni cavallo deve muovere solo 4,46 kg e questo fa delle 308 GTi la migliore del suo segmento. Ma sarà anche la migliore in pista? Per rispondere a questa domanda bisognerà attendere il Salone di Francoforte (15-27 settembre), quando verrà presentata ufficialmente. 


TAGS: salone di francoforte iaa peugeot 308 gti 250 cv 270 cv differenziale torsen Salone di Francoforte 2015 salone di francoforte 2015: tutte le novità iaa 2015