L'impresa di Esteban Ocon nel GP Turchia 2021 - Video
F1 2021

L'impresa di Ocon, al traguardo del GP Turchia sulle... tele - Foto e Video


Avatar di Salvo Sardina , il 11/10/21

1 settimana fa - Le immagini del pilota di casa Alpine, al traguardo a Istanbul senza pit-stop

Le immagini del pilota di casa Alpine, arrivato al traguardo a Istanbul senza effettuare alcun pit-stop: ecco in che condizioni erano le sue Pirelli Intermediate dopo 58 giri
Benvenuto nello Speciale TURKISHGP 2021, composto da 33 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TURKISHGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

I casi più eclatanti sono stati certamente quelli di Lewis Hamilton e Charles Leclerc, che hanno provato ad arrivare fino alla fine del Gp di Turchia con le gomme intermedie montate al via. Tentativi estremi che non si sono concretizzati e che hanno poi costretto entrambi a fermarsi ai box a pochi giri dalla fine. C’è però un pilota al quale la stessa strategia – che nascondeva più che altro l’attesa che la pista si asciugasse per montare le slick – ha funzionato alla perfezione, nonostante il clamoroso crollo prestazionale degli ultimi giri: Esteban Ocon ha infatti tagliato il traguardo con pneumatici ormai sulle tele e al limite dell’esplosione, riuscendo però a portare comunque a casa un prezioso punticino iridato.

VEDI ANCHE



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da FORMULA 1® (@f1)

GOMME DISTRUTTEÈ stato un decimo posto sudato – ha subito detto via radio il francese di casa Alpine, dopo aver tagliato il traguardo con Antonio Giovinazzi incollato sui suoi scarichi – ma ben fatto ragazzi. Davvero complimenti, credo che con un paio di curve in più le gomme sarebbero esplose”. Una vera e propria impresa, certamente non usuale nella massima serie automobilistica, meno che mai da quando il regolamento ha imposto la sosta ai box obbligatoria. L’ultimo a riuscire in un simile exploit era stato Mika Salo nel Gp di Monaco (una pista nota per la bassissima usura sugli pneumatici, dove la track position conta più del ritmo gara) del 1997, anche lì in condizioni di pista bagnata e con l'ulteriore difficoltà di non aver effettuato il rifornimento all'epoca previsto. Nel 2014, Nico Rosberg aveva invece percorso 52 dei 53 giri del Gp di Russia con un solo treno di Pirelli Medium risultate però troppo dure per l'asfalto poco abrasivo della neonata pista di Sochi.


Pubblicato da Salvo Sardina, 11/10/2021
Tags
TurkishGP 2021
Logo MotorBox