AL CENTRO DEI RIFLETTORI Complice l'assenza dell'ultim'ora di Sebastian Vettel, Charles Leclerc era il pilota più atteso nella conferenza stampa del giovedì sul circuito di Yas Marina e ovviamente è stato al centro delle domande dei giornalisti. Tema scottante, ovviamente, l'incidente con Vettel a Interlagos e le possibili conseguenze all'interno del box Ferrari. Il monegasco ha sottolineato come si sia trattato di un episodio molto sfortunato e garantito che tra i due è stata fatta chiarezza, per evitare il ripetersi di simili situazioni in futuro.

SFORTUNA E AGGRESSIVITA' Sono due gli elementi che hanno portato al clamoroso harakiri visto nel GP Brasile, secondo Leclerc: la sfortuna e l'eccessiva aggressività tra compagni di squadra. "Credo che sia stato un incidente molto sfortunato, perché il tocco è stato molto lieve ma le conseguenze sono state drammatiche per noi - ha esordito - Quindi c'è stato anche un elemento di sfortuna. Come team credo che dovremmo cercare di essere un po' meno aggressivi tra di noi per evitare che queste cose possano riaccadere, perché per il team non sono positive e per tutti i nostri tifosi non sono positive". Leclerc ha poi confermato di essersi incontrato con Vettel nella sede della Ferrari a Maranello, garantendo di essere ancora in buoni rapporti con il tedesco: "Ero a Maranello per lavorare al simulatore e in quella occasione abbiamo colto l'occasione per discutere un attimo e sono sicuro che non si ripeterà più. Sì, Seb è ancora sulla mia lista degli auguri natalizi, assolutamente".

F1, GP Giappone 2019: Charles Leclerc e Sebastian Vettel (Ferrari)

LIBERI DI GAREGGIARE Nei giorni successivi al GP Brasile, si è parlato molto delle possibili conseguenze dell'incidente. Leclerc ha assicurato che ai due non è stato vietato di lottare in pista ma, ovviamente, bisognerà farlo con molta più cautela: "Sicuramente possiamo ancora gareggiare uno con l'altro, entrambi siamo molto competitivi e molto forti, vogliamo entrambi vincere e gareggiamo per lo stesso team. Come detto prima, dobbiamo essere un po' meno aggressivi uno verso l'altro concendendoci a vicenda un po' più di spazio, evitando che queste cose succedano. Per quanto ne so, credo che questa è l'unica direttiva che ci è stata imposta nelle prossime gare, però forse Mattia (Binotto) saprà spiegarvela in maggiori dettagli. A parte questo non possiamo fare molto altro, come detto le conseguenze sono state enormi nell'ultima gara, ma se rivediamo il contatto è stato molto lieve. È stato un episodio sfortunato, però dobbiamo fare in modo che non si ripeta".

RESPONSABILITA' CONDIVISE L'incidente sembra dunque completamente archiviato. Leclerc ha escluso di essere stato punito assieme a Vettel dalla Ferrari e sottolinea come le responsabilità siano state condivise: "Non c'è stato detto nulla a riguardo di punizioni. Ci siamo chiariti io e Seb, abbiamo cercato di comprendere le rispettive situazione. Credo che Seb non avrebbe dovuto spostarsi sulla sinistra, e lui lo sa, e credo che io avrei dovuto fare un lavoro migliore nell'evitarlo. Le responsabilità si condividono tra di noi e ora dobbiamo guardare avanti".

F1, GP Brasile 2019: Sebastian Vettel e Charles Leclerc (Ferrari)

BILANCIO STAGIONALE Dopo la raffica di domande sul Brasile, Leclerc ha parlato anche della stagione che si concluderà con il GP Abu Dhabi: "È stata una stagione un po' bizzarra. Non abbiamo iniziato sicuramente al livello che ci saremmo aspettati dopo i test invernali, che erano stati molto positivi. Siamo arrivati alla prima gara (in Australia, ndr) e abbiamo faticato moltissimo. Dopodiché credo che i progressi siano stati molto positivi. Austin è stata un'altra gara un po' strana e non abbiamo ancora capito come mai fossimo così indietro, poi in Brasile siamo tornati al livello che volevamo. Nel complesso, il progresso è stato notevole e credo che questo sia molto importante. Ora voglio proseguire di slancio per arrivare bene anche il prossimo anno. È la prima volta nella mia carriera che rimango nella stessa squadra da una stagione all'altra e questo può essere molto interessante anche per lo sviluppo della macchina, vedremo. Credo che nel complesso sia stata una stagione positiva, a parte la prima gara che è stata molto negativa".


TAGS: ferrari vettel f1 leclerc AbuDhabiGP 2019