FERRARISTI MANCATI Sono stati sicuramente tra i principali talenti approdati in F1 negli ultimi 12 anni, ma sia Nico Hulkenberg sia Robert Kubica hanno ottenuto molto meno di quello che si sarebbe potuto prevedere agli inizi delle loro carriere. Due storie molto diverse tra di loro, anche se entrambi hanno visto il proprio nome accostato a quello della Ferrari per un certo periodo di tempo. Kubica, 35 anni e un successo in Canada nel 2008, era in rampa di lancio prima del tremendo incidente nel Rally Ronde di Andora nell'inverno del 2011 che lo ha tenuto lontano dal Circus fino a quest'anno. Hulkenberg, 32 anni e nessun podio in F1 (ma vincitore a Le Mans nel 2015) non ha mai avuto l'occasione di guidare per un top team, rimanendo un eterno incompiuto.

UNA GIOIA TRA MILLE DIFFICOLTA' Il circuito di Yas Marina, sede del GP Abu Dhabi, farà da sfondo alla loro ultima gara in F1. Kubica, che terminerà un'annata difficile nella disastrata Williams, chiuderà con la piccola gioia di aver conquistato l'unico punto della scuderia di Grove. Il polacco commenta così l'ultimo appuntamento dell'anno: "Abu Dhabi è una pista piuttosto difficile, ma cercheremo di ottimizzare al meglio la vettura per l'ultima gara della stagione. Sarà il mio ultimo Gran Premio con Williams, e quindi vorrei mettere tutto insieme per i ragazzi e per la squadra".

GP Australia 2019 - Nico Hulkenberg pronto per il giro d'onore

ANNATA DELUDENTE Anche il 2019 di Hulkenberg è stato piuttosto deludente, tanto che il tedesco dovrà conquistare almeno sei punti per non chiudere l'anno con il peggior bottino del suo triennio in Renault. Il numero 27 cercherà di ottenere un buon risultato, anche per riscattare il pericoloso cappottamento avvenuto nel primo giro dell'edizione 2018 del GP Abu Dhabi: "Sono stati tre anni memorabili per me alla Renault. Ci sono stati alti e bassi, ma mi sono goduto il mio periodo da pilota. Abbiamo ottenuto grandi risultati e alcuni "quasi" momenti che ricorderò per molto tempo. Vorrei ringraziare tutti i membri del team, compresi i miei ingegneri e meccanici, per tutto il loro impegno nelle ultime 61 gare. Ne abbiamo ancora uno da fare e daremo il massimo per il miglior risultato possibile".


TAGS: f1 kubica Hulkenberg AbuDhabiGP 2019