VOTI NEL DESERTO Il mondiale di Formula 1 2019 si chiude con una gara dominata dal campione del mondo in carica Lewis Hamilton, che con la Mercedes ha formato la coppia meritatamente più forte dell'anno. Il suo giro veloce staccato nel finale con gomma usuratissima è la firma sulla stagione e il sigillo su un dominio solo a tratti messo in crisi dalla Red Bull e dalla Ferrari, oggi 2° e 3° con Max Verstappen e Charles Leclerc nel Gran Premio di Abu Dhabi. Il super campione con i due aspiranti tali sullo stesso podio, l'immagine più bella per lanciare la Formula 1 nel futuro. Per il resto: gara sottotono per Vettel e Albon, bella rimonta per Bottas, strepitosa prestazione di Perez e Norris. Tutto questo e molto altro nelle pagelle dell'ultimo GP dell'anno.

LEWIS HAMILTON Il campione del mondo britannico fa il compitino nella gara di Yas Marina: parte primo e arriva primo senza mai cedere la sua posizione e senza mai essere impensierito dai rivali, grazie anche a una Mercedes nettamente superiore sul tracciato arabo a tutta la concorrenza, ma sarebbe ingiusto non dare al "Cesare" della Formula 1 quel che è suo di diritto. Lewis ha dominato, conquistando l'84° vittoria in carriera, la quinta ad Abu Dhabi, prendendosi di prepotenza il Grand Chelem, che va a chi fa pole, vittoria, giro veloce (scippato di giustezza nel finale al compagno Bottas nonostante le gomme usuratissime) e gara tutta in testa. Cosa aggiungere se non "chapeau"? VOTO 10

MAX VERSTAPPEN Bellissima gara da parte di Max Verstappen, che conferma la terza piazza iridata, suo miglior risultato in carriera. L'olandese della Red Bull dopo aver perso in partenza la posizione su Leclerc si è mantenuto a 2 secondi circa dal monegasco per tutto il primo stint, dopodiché al momento della sosta del ferrarista, ha scelto di restare in pista ed è stata questa la mossa vincente. Con gomme più fresche dopo la sosta è potuto tornare presto negli scarichi di Leclerc riuscendo così ad attaccarlo e superarlo, nonostante il disperato tentativo di controsorpasso del rivale. A quel punto Hamilton è troppo distante, ma il ruolo di pericolo pubblico numero 1 per Lewis Hamilton nel 2020 lo prenota lui. VOTO 9,5

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: Charles Leclerc (Ferrari)

CHARLES LECLERC Non poteva fare di più. Scatta bene dalla terza posizione e supera Verstappen nel corso del primo giro. Riesce a guadagnare un piccolo margine sul rivale ma quando si ferma ai box al 13° giro, l'olandese non lo imita, per mettersi in condizioni migliori di gomme nella seconda parte di gara. E così avviene. Quando Max si ferma dopo 26 giri rientra in pista a soli 5 secondi, e in pochi giri gli è addosso. Prova a difendersi stoicamente ma il suo destino è segnato. Le sue gomme crollano e lo richiamano ai box per montare gomme Soft per gli ultimi 17 giri con le quali riece, non senza patemi, a mantenere il bel podio dal ritorno di Bottas. VOTO 8

VALTTERI BOTTAS Deve ringraziare, e tanto, l'efficienza della sua auto sulla pista di Yas Marina per questo bel quarto posto. Con gomme usate da 30 giri riesce a girare più veloce di Vettel nella prima parte di gara, e grazie a questo può montare per gli ultimi 25 giri la gomma Hard nuova con cui attaccare Albon per la quarta piazza con facilità, e approfittare dei problemi con le gomme del tedesco per prendere anche la sua posizione quando il ferrarista torna ai box. Non può invece nulla contro Leclerc, che si difende nel finale lasciandolo dietro. VOTO 7

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: Valtteri Bottas (Mercedes) su Sebastian Vettel (Ferrari)

SEBASTIAN VETTEL Gara un po' sottotono per Sebastian Vettel dopo una partenza buona (la migliore a tavolino come tempi di reazione) ma infruttuosa. Il tedesco non è stato peraltro aiutato dal muretto che al pit-stop gli fa perdere 4" circa, mettedolo nel traffico e nelle condizioni di doversi difendere da Albon più che tentare di seguire Verstappen. Il ritmo è inferiore a quello del compagno per tutta la gara, soprattutto dopo la prima sosta, quando la strategia era divenuta comparabile a quella del monegasco. Nel finale torna ai box per montare gomme Medium nuove, riuscendo così a riprendersi la quinta piazza su Albon, che con Bottas (che poi l'ha sopravanzato facilmente) si erano fatti minacciosi negli ultimi 15 giri. VOTO 5

ALEX ALBON Gara anonima per Alex Albon, che ha un ritmo nettamente inferiore rispetto a quello del compagno Verstappen. Non c'è neanche la nota positiva di riuscire a prevalere su Vettel, in crisi con le gomme nel finale. Non può difendersi da Bottas, partito ultimo, né da Vettel che nel finale si riprender la sesta posizione. VOTO 5

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: Segio Perez (SportPesa Racing Point)

SERGIO PEREZ Bellissima gara per il messicano che scatta decimo e approfitta della gomma Medium nuova per portare la sua auto fino al 38° giro. Rientrato ai box nel finale ha così potuto montare gomme fresche ed è stato in grado di attaccare tutti i rivali di centro gruppo, riuscendo a sorpassare con facilità Hulkenberg, e beffando all'ultimissimo giro anche Lando Norris. Sempre cattivissimo e concreto, Perez dimostra ogni volta che l'auto gliene dà occasione di essere un gran bel pilota. VOTO 9

LANDO NORRIS Partendo dalla sesta piazza non poteva certo sognare di mantenere questo piazzamento difendendosi dal rientrante Bottas con la Mercedes, ma fa una delle gare più belle dell'anno e l'ottavo posto non gli vale per poco il "best of the rest" ad Abu Dhabi. Prevale sul compagno di team Carlos Sainz, e nel finale tiene a bada Sergio Perez fino all'ultimo giro, perdendo la posizione soltanto in extremis a causa delle gomme completamente finite. Veramente un bel pilotino. VOTO 8,5

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: le McLaren di Lando Norris e Carlos Sainz

DANIIL KVYAT Gara analoga a quella di Perez per il russo della Toro Rosso, che dopo essere stato oscurato da Gasly a Interlagos (con il bello, meritato e fortunoso podio), mette in piedi una prestazione concreta, mantenendo in vita la sua Hard per 3/4 di gara per poi sfogarsi nel finale e raggiungere la nona piazza. VOTO 7

CARLOS SAINZ parte ottavo, arriva decimo, nonostante la solita bella pertenza durante la quale supera Ricciardo. alla fine le strategie non lo premiano, ma la decima piazza è un risultato discretto, anche se inferiore alle attese. VOTO 6

NICO HULKENBERG La sua ultima gara in Formula 1: parte nono e perde la zona punti solo nel finale, soccombendo ai rientranti Perez, Kvyat Sainz e Ricciardo, tutti su una strategia migliore della sua. Resta comunque una bella gara e una carriera tra le più sfortunate della storia, con ben 177 GP e nessun podio, sebbene in più di un'occasione lo abbia sfiorato o meritato. VOTO 6

F1 GP Abu Dhabi 2019, Yas Marina: Nico Hulkenberg (Renault)

DANIEL RICCIARDO Beffa il compagno solo nel finale, dopo una bella prima parte e una strategia non proprio perfetta. Dopo la partenza in settima posizione ci si attendeva di più da Daniel, ma soprattutto dalla Renault. VOTO 5,5

LANCE STROLL Subito dopo la partenza rovina la sua gara e quella di Gasly toccandogli il postriore e mandandolo a sbattere contro Perez. Nel finale si ritira. Una prestazione da dimenticare per il canadese della Racing Point, ancor più negativa se confrontata con la grande gara del compagno. VOTO 4

ALFA ROMEO L'italiano ANTONIO GIOVINAZZI (VOTO 5,5) dopo le qualifiche Aveva ammesso: "Non sappiamo perché siamo andati forti in Brasile, non sappiamo perché andiamo male qua." Il pugliese ha fatto anche un bel inizio di gara, con un'ottima partenza era risalito dalla 16° alla 12° ma le prestazioni dell'auto ne hanno limitato subito le possibilità, a lui come a KIMI RAIKKONEN (VOTO 6), bravo comunque ad arrivare 13° rispetto alla 16° posizione del compagno. VOTO 4


TAGS: ferrari mercedes formula 1 vettel Hamilton verstappen bottas leclerc f1 2019 GP Abu Dhabi AbuDhabiGP 2019 Pagelle GP Abu Dhabi 2019