Prova

Honda CR-V 1.6 i-DTEC


Avatar Redazionale , il 25/07/13

8 anni fa - E' amore a prima vista tra il Suv compatto e il piccolo diesel

La Honda CR-V 1.6 i-DTEC si butta nella mischia delle suv compatte a trazione anteriore forte del suo nuovo turbodiesel, che ha anche il pregio di bere poco

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2013, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2013 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SENZA FRETTA In Honda non hanno quasi mai fretta. Prima di decidersi a realizzare il loro primo turbodiesel hanno impiegato decine di anni, sfornando poi, a onor del vero, un 2.2 da manuale, che rimane ancora oggi uno tra i migliori quattro cilindri in circolazione. E dopo di lui, ci sono voluti quasi due lustri perché concedessero il bis, con un 1.600 che si è accasato qualche mese fa sotto il cofano della Civic e ora si accinge a debuttare, a fine estate, anche nel listino CR-V.

PORTABANDIERA Questo motore, chiamato 1.6 i-DTEC, ha un ruolo strategico per molti motivi. In primis permette alla Honda CR-V 1.6 i-DTEC di inserirsi in una nicchia di mercato importante e in crescita, quella della Suv compatte diesel a trazione anteriore. In secondo luogo è il portabandiera della Earth Dreams Technology, con cui Honda punta ad avere nel 2020 una gamma capace di produrre il 30% di CO2 in meno rispetto a quella del 2000.

PESO PIUMA Quando spiegano questo nuovo turbodiesel, agli ingegneri nipponici brillano gli occhi, come se parlassero del figlio primo della classe e, obiettivamente, qualche primato al 1.600 i-DTEC va riconosciuto. Per esempio è più leggero della concorrenza, grazie alla testa e al basamento in alluminio, alle pareti tra i cilindri spesse solo 8 mm e alla maniacale ricerca di un modo per risparmiare peso e per ridurre le dimensioni a livello di ogni singolo componente.

LISCIO COME L’OLIO Un altro obiettivo che si sono dati i tecnici giapponesi è stato di abbattere gli attriti interni. Grazie anche all’adozione di pistoni con mantello ribassato, di un albero motore che piacerebbe anche a quelli della Weight Watchers e di olio viscoso il minimo indispensabile e nulla più, a 1.500 giri il nuovo 1.6 i-DTEC accusa il 40% di attriti in meno rispetto al già ottimo 2.2 e regge il confronto anche con un pari cilindrata a benzina.

VEDI ANCHE



DIAMO I NUMERI Tutte queste parole valgono sul banco dinamometrico 120 cv a 4.000 giri e 300 Nm di coppia a 2.000 giri, sotto l’effetto dopante di una turbina Garrett a geometria variabile. Su strada significa che la Honda CR-V 1.6 i-DTEC scatta da o a 100 in 11,2 secondi e può raggiungere i 182 km/h di velocità massima. Ai suoi clienti potenziali, però, probabilmente interesserà di più sapere che il consumo dichiarato è di soli 4,5 litri/100 km, cui corrispondono emissioni di CO2 di 119 g/km.

SI FA IN QUATTRO Proposta con il solo cambio manuale a sei marce, la Honda CR-V 1.6 i-DTEC può essere declinata negli stessi quattro allestimenti già a catalogo per gli altri motori, ovvero Comfort, Elegance, Lifestyle ed Executive. Per il momento non si sa ancora quali saranno i prezzi, che saranno annunciati solo a ridosso dell’apertura degli ordini, mentre il tradizionale porte aperte è fissato per il 19 ottobre.

GIROTONDO Il turbodiesel della Honda CR-V 1.6 i-DTEC si avvia lesto, con una voce sommessa e senza vibrazioni, anche a freddo. Una volta in movimento, mostra subito di che pasta è fatto, girando tondo anche poco sopra il minimo e sfoggiando sin dai primi metri una progressione lineare. Con il passare dei chilometri, si rafforza l’idea che l’assenza di ruvidità e la regolarità dell’erogazione siano i punti di forza del millesei, assieme a una notevole elasticità.

MEGLIO AL TROTTO Alla faccia della cilindrata contenuta e della massa importante della macchina, il piccolo diesel nipponico non fa una piega e porta a spasso la CR-V senza richiedere un frequente ricorso al cambio, dal canto suo onestissimo, come tradizione della Casa. L’unica cosa che chiede è che non gli si metta tanta fretta, perché non è uno sportivone. Vivace già ben prima dei 2.000 giri, dà il meglio fino a sopra i 3.000 per poi perdere pian piano smalto.

BEVE POCO In ogni caso, volendo magari completare un sorpasso, si può francobollare il pedale dell’acceleratore al pavimento e far salire la lancetta del contagiri fin oltre quota 4.500 prima che il limitatore tiri i remi in barca. In questo modo, però, il risultato più tangibile che si ottiene è di fare aumentare la rumorosità e i consumi, che, altrimenti, con una guida accorta, possono essere ben inferiori ai 6 litri/100 km. Per chi avesse a cuore le percorrenze, va ricordata la presenza del sistema Start/Stop e del tasto Econ, che riduce l’assorbimento di potenza da parte per esempio dell’impianto di climatizzazione, dando una mano a diradare le visite al benzinaio.

CHE BELLA COPPIA! Tirando le somme, con simili caratteristiche, il 1.600 i-DTEC si mette sulla stessa lunghezza d’onda della CR-V, nella cui gamma viene a rappresentare la scelta ideale di chi non soffre di frequenti pruriti al piede destro e non ha particolari velleità fuoristradistiche. Alleggerita degli organi della trazione integrale e dotata di un assetto di conseguenza rivisto (così come la taratura dello sterzo e dell’impianto frenante), la Honda CR-V 1.6 i-DTEC resta una macchina soprattutto confortevole, silenziosa e capace si digerire bene lo sconnesso. Ciò non toglie però che sia anche piacevole nel misto e che sappia ripagare chi la guida in modo pulito disegnando traiettorie senza sbavature.


Pubblicato da Paolo Sardi, 25/07/2013
Gallery
Tutte le prove auto del 2013
Logo MotorBox