Prova

Audi A3 Cabriolet 2014


Avatar di Andrea  Rapelli , il 15/11/13

7 anni fa - Scopre un angolo di cielo. Con classe

Leggerezza, qualità, comfort: è la Audi A3 Cabriolet 2014, la quarta proposta della grande famiglia A3

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2013, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2013 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

FAMIGLIA ALLARGATA I rami dell'albero genealogico della famiglia A3 non smettono più di crescere perché dopo la 3 porte, la Sportback e la Sedan, ecco profilarsi all'orizzonte la scoperta: la Audi A3 Cabriolet 2014. Il quarto – e ultimo – sigillo della gamma.

CRESCITA GLOBALE In ossequio alla legge non scritta della crescita globale, che vuole ogni nuovo modello più grande del precedente, anche la Audi A3 Cabriolet 2014 segue la massa. Lunghezza e larghezza crescono (+18 cm la prima, più 3 la seconda) fino ad arrivare ad un totale di 4,42x1,79 metri mentre l'altezza diminuisce di 15 mm rispetto al passato. Il pianale modulare MQB ha poi portato in dote un allungamento del passo, che si è stiracchiato fino a 2,59 metri (+1,7 cm).

BEL VESTITINO La Audi A3 Cabriolet 2014 indossa proprio una bella mise: i soliti detrattori dei Quattro Anelli diranno che somiglia fin troppo alle altre A3 ma è fuor di dubbio che le proporzioni siano ben più aggraziate di prima. E dalla prova-capote (chiusa), la A3 esce a testa alta, perché l'elegante profilo non viene affatto sporcato dalla tela. Ciliegina sulla torta, la cornice parabrezza in alluminio, di serie su tutte le A3 Cabriolet.

TELATURE DI QUALITA' A proposito di capote, sappiate che quei precisini dell'Audi sono riusciti a contenere il peso di tela, sovrastrutture e motori elettroidraulici di azionamento in soli 50 kg. Così, basta premere un tasto sulla consolle centrale dell'Audi A3 Cabriolet 2014 per scoprire un angolo di cielo in soli 18 secondi e fino a 50 km/h. A richiesta, la capote può essere dotata di una membrana interna più spessa, per un isolamento acustico maggiore. Non mancano bocchette d'aria calda alla base dei poggiatesta (optional) per riscaldare le passeggiate invernali sulla Grand Corniche.

VEDI ANCHE



S'E' MESSA A DIETA Gran impiego di alluminio in telaio, carrozzeria e motori, ma anche attenzione al dettaglio: la Audi A3 Cabriolet 2014 ha sedili più leggeri (-2 kg), l'alloggiamento dell'airbag lato passeggero in materiale plastico, la cinematica dello schermo dell'MMI in Magnesio (-640 g). Tutto questo ha portato ad un risparmio di peso rispetto alla vecchia A3 quantificabile in 60 kg: la differenza tra serbatoio pieno e vuoto, all'incirca.

BANCA ORGANI VW A spingere la Audi A3 Cabriolet 2014 una compagine di quattro motori, due TFSI e due TDI. I primi prendono le sembianze di un 1.4 TFSI con sistema Cylinder on demand da 140 cv (5 l/100 km) e un 1.8 TFSI abbinato al solo doppia frizione S Tronic 7 rapporti da 180 cv, con un consumo dichiarato pari a 5,8 l/100 km. Sul fronte dei turbodiesel ci sono l'1.6 TDI da 110 cv (che arriverà in un secondo momento) e il 2.0 TDI da 150 cv, che per percorrere 100 km brucia 4,2 litri di gasolio. Tutti sono in regola con la normativa Euro 6.

PREZZI E LANCIO La Audi A3 Cabriolet 2014 è già in prevendita, anche se il lancio vero e proprio arriverà con la bella stagione, a marzo, così come i listini dettagliati. I prezzi sono inconfondibilmente a quattro anelli: la Audi A3 Cabriolet 1.4 TFSI parte da una base di 34.150 euro, che diventano 37.850 per una 1.8 TFSI S Tronic e 36.050 per una 2.0 TDI da 150 cv. Confermate anche le tre linee classiche d'allestimento Attraction, Ambition e Ambiente, con livelli crescenti di dotazioni. Tutte hanno Audi Drive Select, cerchi in lega, clima e radio. Fra gli optional, la solita pletora di angeli custodi elettronici come Pre Sense, Side Assist, Active Lane Assist, cruise control adattivo, Park Assist, fari full Led.

FAZZOLETTI Costa Azzurra, mare blu, sole quasi estivo: non aprire la capote sarebbe un orrendo delitto. Mano al tastino et voilà, 18 secondi netti per scoprire un fazzoletto di cielo. Ma prima di partire diamo un occhio al bagagliaio che, dal canto suo, risponde con un fazzoletto di spazio. Oltre agli schienali abbattibili – di serie, con comodi tasti all'imboccatura del vano – la capienza non è esattamente da grandi tour (320/680 litri) mentre bocca d'accesso e altezza rimangono fortemente limitate. Da borse morbide, insomma.

GITE A QUATTRO Meglio in due, si sa, tuttavia anche sedendosi in quattro la Audi A3 Cabriolet 2014 non delude. Gli schienali posteriori sono verticali mentre lo spazio per le ginocchia è in funzione di chi guida ma, almeno per brevi tratti, i passeggeri non se la passano troppo male. E, a capote chiusa, non devono piegare il collo quando sono seduti. Peccato solo per la visibilità posteriore, perché il lunotto è davvero mignon e ci si deve aiutare parecchio con gli specchi esterni. Nessun cruccio, invece, a tetto aperto.

BRIO E COMFORT La Audi A3 Cabriolet 2014 non si compra certo per fare i matti sul Turini: lei gradisce anche volentieri i cambiamenti repentini di ritmo ma qualche vibrazione dalla scocca è sempre nitidamente percepibile e, pur seguendo con apprezzabile precisione le traiettorie – grazie a sterzo piuttosto accurato e poco filtrato e movimenti del corpo vettura minimila A3 Cabriolet soddisfa soprattutto quando non si esagera. La protezione dall'aria è discreta (ottima con il frangivento) e si può chiacchierare amabilmente con chi sta a fianco senza alzare la voce. L'isolamento della capote? Non male, nemmeno in autostrada, ma non sono riuscito a provare la copertura più “spessa”.

TDI O TFSI? Certamente, da noi, il gasolio sarà il carburante principe sotto il cofano della Audi A3 Cabriolet 2014. Il 2 litri TDI spinge sempre gagliardo, è vero, ma anche l'1.6 TDI, con i suoi 110 cv, non è da scartare a priori. Specie se mettete le prestazioni su un piano più basso rispetto ai consumi. Entrambi rombano e vibrano poco e possono contare su un buon sistema start&stop, che ha però bisogno dell'immobilità assoluta per entrare in azione. Discorso più complesso per i benzina: tra l'1.8 e l'1.4 sceglierei quest'ultimo, forte soprattutto nella parte bassa del contagiri. Oltre che meno assetato del fratellone.


Pubblicato da Andrea Rapelli, 15/11/2013
Gallery
Tutte le prove auto del 2013
Logo MotorBox