Autore:
Giulio Scrinzi

PUNTA DI DIAMANTE Introdotta lo scorso anno all'interno della gamma R-Series, la Yamaha YZF-R1M rappresenta oggi la punta di diamante della Casa di Iwata: spinta da un motore CP4 crossplane e dotata di sofisticate tecnologie di controllo elettronico sviluppate direttamente dalle YZR-M1 che corrono in MotoGP, questa belva su due ruote, regina dello stand Yamaha a EICMA 2017, vuole diventare il benchmark definitivo della sua categoria, grazie alla nuova versione 2018 che si presenterà al Salone di Eicma 2017 decisamente rinnovata sotto il lato della gestione elettronica.

SOSPENSIONI ELETTRONICHE Il nuovo Model Year della Yamaha R1M, infatti, sarà dotato delle esclusive sospensioni elettroniche Smart EC2 Öhlins Racing (ERS), che rappresentano il sistema più avanzato nella categoria Supersport e regalano al pilota un vantaggio reale, adattandosi automaticamente alle condizioni della pista. Come funzionano? Attraverso l'analisi istantanea dei dati che provengono dalla piattaforma inerziale a 6 assi (IMU), i quali permettono di regolare con precisione i valori di compressione ed estensione di forcella e mono ammortizzatore. E grazie alle nuove funzioni dello Yamaha Ride Control (YRC), sarà possibile variare le caratteristiche delle sospensioni stesse in base alle frenate, alle accelerazioni e alle curve, migliorando in maniera evidente il grip all'anteriore.

CAMBIO ELETTRONICO Ma non è tutto, perchè la R1M 2018 sarà equipaggiata anche con la nuova versione del Quick Shift System (QSS), progettato per garantire cambi di marcia affidabili e rapidi (ora anche in scalata) senza dover utilizzare la frizione. I valori di questo sistema posso essere impostati grazie alle già citate funzioni dell'YRC sulla strumentazione TFT, che permette due modalità d'innesto delle marce: la prima, la più veloce, è perfetta per una guida che cerca le prestazioni, mentre la seconda è invece più progressiva.

LARGO AL CARBONIO Per quanto riguarda il motore, questo è stato affinato grazie alla rimappatura della centralina ECU e al perfezionamento del LIFt control, il quale monitora e regola l'erogazione di potenza quando la piattaforma inerziale Internal Measuring Unit (IMU) rileva che la ruota anteriore si è alzata in modo improvviso o eccessivo. Per il 2018, infine, la R1M si presenterà con un'ulteriore chicca per tutti gli appassionati, vale a dire la sua nuova carena in carbonio con grafiche riviste e nell'esclusiva colorazione Silver Blu Carbon, disponibile in quantità limitata e previa prenotazione online. Scopri tutto nel nostro video live da Eicma 2017. 


TAGS: yamaha eicma eicma 2017 yamaha 2018 yamaha eicma 2017 nuovi modelli eicma 2017 yamaha r1m yamaha r1m 2018