Eicma 2017

Nuova Ducati Multistrada 2018: il motore cresce fino a 1260 cc [VIDEO]


Avatar di Luca Cereda , il 07/11/17

3 anni fa - Cresce il motore, cambia il look, si rinnova la ciclistica

Un motore più grande e non solo. Ecco come cambia l'enduro stradale di Borgo Panigale. Guarda il video live da Eicma 2017

Benvenuto nello Speciale NUOVI MODELLI EICMA 2017, composto da 69 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario NUOVI MODELLI EICMA 2017 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SI', VIAGGIARE Anzitutto c'è l'ultimo motore Testastretta DVT, che porta 60 cc in più e una maggiore corsa (71,5) per offrire più coppia ai bassi regimi. Aggiungeteci una ciclistica profondamente rivisitata, un'elettronica più evoluta e modifiche al look. Ecco perché la Ducati Multistrada 1200 2018, svelata in anteprima a Eicma 2017, è da considerarsi come nuova. In tutte le sue declinazioni: S, S D|Air e Pikes Peak.

DOVE SERVE DI PIU' Il motore, che ha cambiato buona parte della componentistica (bielle, albero motore, cilindri), fa la vera differenza. Perché adesso ben l'85% della coppia è disponibile sotto i 3.500 giri/min; perché l'erogazione, ricalibrata, privilegia i bassi e i medi regimi; perché lo scarico ha un nuovo disegno e un nuovo silenziatore, con lo scopo di migliorare le prestazioni. Stessa missione dell'aspirazione, anch'essa modificata ad hoc. Il tutto tenuto a bada dall'elettronica, che può contare su ABS con funzione cornering, controllo di trazione e DWC (Ducati Wheelie Control) regolabili su 8 livelli, assistenza alle partenze in salita e, dalla Multistrada S in su, sospensioni adattive e il Ducati Quick Shift up&down.

VEDI ANCHE



CICLISTICA Oltre al motore cambiano le quote. Sono una novità il telaio e il forcellone più lungo (di quasi 5 cm), che stiracchiano l'interasse di ulteriori 55 mm. L'impianto frenante è sempre griffato Brembo, con pinze a quattro pistoncini che all'anteriore mordono dischi da 320 mm di diametro, maggiorati (330 mm) dalla versione S in su. Di base, le sospensioni prevedono una forcella a steli rovesciati da 48 mm completamente regolabile e un ammortizzatore Sachs regolabile nel precarico, in estensione e in compressione.

A PRIMA VISTA Osservando bene, ci si accorge anche a colpo d'occhio che la Multi è cambiata. Il frontale, ad esempio, ha design più pulito grazie alle due nuove ali laterali. E poi diversi dettagli: come il maniglione posteriore, derivato da quello della Multistrada 1200 Enduro – così è possibile installare borse laterali in allumino by Touratech in alternativa a quelle in plastica – e il nuovo porta-targa con frecce a LED. Dalla versione S in su, la nuova Multistrada 2018 monta uno schermo TFT da 5 pollici che fa fare un bel salto di qualità alla strumentazione.

COME TU MI VUOI Ci sono poi i pacchetti, ciascuno compatibile con qualsiasi versione della Multistrada. Si va da cose semplici, come le manopole riscaldate, il set di valigie e il cavalletto centrale offerti da Touring Pack a vere e proprie caratterizzazioni. L'Enduro Pack fari a Led supplementari, barre di protezione al motore e al radiatore, paracoppa, pedane da offroad e cavalletto con la base ampliata. Lo Sport Pack punta invece su scarico Termignoni, parafango in fibra di carbonio e dettagli in alluminio ricavati dal pieno per accentuare la sportività. L'Urban Pack, infine, aggiunge bauletto, borsa da serbatoio e presa USB.

IL TOP Il non-plus-ultra resta la Ducati Multistrada Pikes Peak, anche con il motore 1260. Ha sospensioni Ohlins, cerchi in alluminio forgiato, parafango, coperchio del serbatoio e paratie in carbonio, sella con cuciture rosse, parabrezza trasparente e lo scarico Termignoni. Per saperne di più guarda il nostro videolive da Eicma 2017. 


Pubblicato da Luca Cereda, 07/11/2017
Gallery
nuovi modelli eicma 2017
Logo MotorBox