Autore:
Salvo Sardina

CLAMOROSA DOPPIETTA Doveva essere la gara più complicata della stagione, tra quelle rimanenti in calendario. E invece, il Gran Premio di Singapore si è magicamente trasformato in una splendida doppietta per la Ferrari. A vincere, tornando al trionfo dopo più di un anno di digiuno (ultima volta nel Gp del Belgio 2018) è stato Sebastian Vettel, che ha chiuso la gara proprio davanti al compagno di squadra Charles Leclerc salendo sul gradino più alto del podio per la cinquantatreesima volta in carriera. "Medaglia di bronzo", invece, per Max Verstappen, riuscito grazie alla strategia di gara a estromettere dalla top-3 le due Mercedes, arrivate sotto la bandiera a scacchi al quarto e quinto posto rispettivamente con Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

RABBIA CHARLES Nella prima fase di gara era stato il poleman Leclerc a comandare la gara senza grossi affanni. Con tutti i big a tenere un ritmo bassissimo, a trenino per preservare quanto più possibile le gomme, i giri iniziali sono stati poco più che una partita a scacchi. Il momento decisivo è arrivato con la sosta di Vettel e Verstappen, i primi a decidere di fermarsi per montare le Pirelli Hard: con pneumatici freschi, il tedesco (fino a quel momento terzo) non soltanto ha potuto scavalcare Hamilton, ma ha beffato anche il compagno di squadra, rientrato in pista (furibondo) proprio alle sue spalle dopo la sosta ai box.

ERRORI MERCEDES A quel punto non c'è stato più niente da fare per il giovane monegasco, che negli ultimi giri ha comunque provato ad affondare l'attacco decisivo - senza peraltro mai riuscirci - al compagno di squadra Vettel. Ancora peggio è andata a Hamilton, rimasto in pista più a lungo possibile nella vana attesa di una Safety Car che gli avrebbe potuto consegnare la vittoria. Il britannico è però poi stato costretto a rientrare ai box scivolando di fatto dalla seconda alla quarta posizione. Una strategia che non ha pagato proprio sul circuito in cui ci si aspettava un facile ritorno alla vittoria per le Frecce d'argento.

SAFETY CAR Tre le interruzioni per Safety Car, tutte arrivate nella seconda parte di gara, quando ormai i big della classifica avevano già effettuato i loro pit-stop. La prima è stata causata dall'incidente di George Russell, a muro dopo un contatto con Romain Grosjean. Pochi giri dopo, ancora un'interruzione causata dal ritiro della Racing Point di Sergio Perez (per problemi tecnici). Infine è stato il contatto tra Kimi Raikkonen e la Toro Rosso di Daniil Kvyat a costringere la Direzione gara a rimandare in pista la vettura di sicurezza. Da segnalare l'ottimo settimo posto del "solito" Lando Norris che vince la gara di centro gruppo e soprattutto il decimo posto di Antonio Giovinazzi: l'italiano è anche stato al comando della gara per qualche tornata, prima di sprofondare nelle retrovie a causa delle gomme ormai troppo usurate. Alla fine, anche grazie alle Safety Car, il pugliese ha chiuso decimo. Una buona iniezione di fiducia per provare a tenersi stretto il sedile dell'Alfa Romeo. La F1 torna in pista già la prossima settimana con il GP di Russia 2019: appuntamento a venerdì 27 settembre per la cronaca live delle prime prove libere sul circuito di Sochi.

Pos Pilota Team Distacco Giri
1 Sebastian Vettel Ferrari 1:58:33.667 61
2 Charles Leclerc Ferrari +2.641s 61
3 Max Verstappen Red Bull-Honda +3.821s 61
4 Lewis Hamilton Mercedes +4.608s 61
5 Valtteri Bottas Mercedes +6.119s 61
6 Alexander Albon Red Bull-Honda +11.663s 61
7 Lando Norris McLaren-Renault +14.769s 61
8 Pierre Gasly Toro Rosso-Honda +15.547s 61
9 Nico Hulkenberg Renault +16.718s 61
10 Antonio Giovinazzi Alfa Romeo-Ferrari +17.855s 61
11 Romain Grosjean Haas-Ferrari +35.436s 61
12 Carlos Sainz McLaren-Renault +35.974s 61
13 Lance Stroll Racing Point-Mercedes +36.419s 61
14 Daniel Ricciardo Renault +37.660s 61
15 Daniil Kvyat Toro Rosso-Honda +38.178s 61
16 Robert Kubica Williams-Mercedes +47.024s 61
17 Kevin Magnussen Haas-Ferrari +86.522s 61
18 Kimi Räikkönen Alfa Romeo-Ferrari Ritirato 49
19 Sergio Perez Racing Point-Mercedes Ritirato 42
20 George Russell Williams-Mercedes Ritirato 34

In grassetto il pilota che segnato il giro più veloce della gara (no punto addizionale per non aver chiuso in top-10).

Gli orari tv del weekend di Singapore | Tutte le info e i risultati del GP Singapore 2019 | Classifica piloti e costruttori | Calendario F1 2019

Gran Premio di Singapore 2019 terminato, rivivilo con la nostra cronaca minuto per minuto.

16.20 - Finisce qui la nostra lunghissima diretta ma l'invito è quello di restare con noi perché vi proporremo ancora molte news, commenti, dichiarazioni e analisi su questo Gp di Singapore 2019. Intanto l'appuntamento in diretta è per venerdì prossimo, quando torneremo live per le prove libere del Gran Premio di Russia. Ciao e grazie per l'attenzione.

16.18 - Il giro più veloce l'ha segnato Kevin Magnussen nei minuti finali con gomme Soft, togliendo dunque il punto aggiuntivo a Valtteri Bottas. Il danese comunque non porta a casa il punto perché per far scattare il bonus è necessario arrivare in top-10.

16.15 - Questa la classifica finale del Gran Premio di Singapore 2019.

16.13 - Fuori dal podio invece le due Mercedes, che soprattutto con Hamilton si sono un po' incartate con la strategia.

16.12 - Bandiera a scacchi! Finisce il Gran Premio di Singapore con una clamorosa doppietta della Ferrari! Sebastian Vettel precede sul podio Charles Leclerc e Max Verstappen. Quarto e quinto posto per Hamilton e Bottas.

16.10 - Inizia l'ultimo giro di gara: Sebastian Vettel si invola verso una vittoria scacciacrisi. Seguono Leclerc, Verstappen e Hamilton. Bottas è invece a due secondi da Lewis.

16.09 - Due giri o cinque minuti alla fine. Si arriverà dunque comunque con i giri e non con il tempo limite di due ore. Verstappen chiede via radio un po' più di potenza, con Hamilton molto vicino ai suoi scarichi.

16.07 - Intanto è Bottas, a tre giri dal termine, a completare la tornata più veloce: 1:43.534 per il finnico della Mercedes.

16.05 - Il giro veloce per adesso lo fa però Sebastian Vettel in 1:44.802. Seb ha 2.1 di vantaggio su Leclerc. Sta per arrivare, più di un anno dopo l'ultima volta, la vittoria numero 53 della carriera.

16.03 - Leclerc è scivolato a 1.7 da Vettel. E chissà se il monegasco non abbia deciso di prendere un po' di gap per provare quantomeno a prendersi il giro più veloce della gara.

16.02 - Giro veloce per Sebastian Vettel, che prova addirittura a portare a casa anche il punto addizionale. 1:44.943 per il tedesco.

16.01 - Siamo nel corso del giro 55/61, con Hamilton che prova ad avvicinarsi a Verstappen, quantomeno per difendere la possibilità di salire sul terzo gradino del podio.

15.59 - Vettel intanto sta spingendo comunque molto forte per cercare di non offrire al compagno di squadra la possibilità di aprire l'ala mobile. Charles è a 1.1 da Seb.

15.58 - Nelle retrovie è vero e proprio far west, mentre davanti i big si tengono a trenino a circa un secondo di gap l'uno dall'altro. Albon, sesto, è a 6.7 da Vettel.

15.57 - Il contatto tra Raikkonen e Kvyat sarà investigato dopo la gara. Intanto Antonio Giovinazzi si va a prendere la decima posizione superando entrambe le Haas!

15.56 - Tutto regolare anche in questa ripartenza. Leclerc è sotto il secondo di gap dal compagno ma l'impressione è che non ci sia una differenza di prestazione tale da permettergli di passare Vettel.

15.55 - Si riparte, bandiere verdi! Ancora una volta Vettel davanti a Leclerc, Verstappen, Hamilton, Bottas e Albon.

15.53 - Questa la classifica dopo 50 giri di gara. Si ripartirà tra pochissimo.

15.52 - Safety Car, terzo ingresso della vettura di sicurezza in questo Gp. Mancano 10 giri alla fine (o circa 21 minuti).

15.50 - Intanto Sebastian Vettel porta il suo margine a più di un secondo sul compagno di squadra. Bandiere gialle per l'incidente in curva-1 tra Kvyat e Raikkonen. Kimi è costretto al ritiro con la rottura della sospensione anteriore sinistra. Ci sembra a tutti gli effetti un incidente di gara.

15.48 - Non è successo granché in questo primo giro se non il crollo delle prestazioni di Raikkonen scivolato in dodicesima posizione alle spalle di Raikkonen. Anche Ricciardo ha perso un po' di slancio finendo alle spalle di Grosjean e Sainz. Giovinazzi è invece risalito all'undicesimo posto.

15.47 - Tutto regolare al vertice, con Vettel che però stavolta è partito leggermente più lento rispetto a prima. Il tedesco mantiene comunque la leadership.

15.46 - Bandiere verdi! Si riparte per altri 13 giri di questo lunghissimo Gp di Singapore 2019!

15.44 - Si ripartirà al termine di questo giro. Intanto Hamilton, un po' distratto, ha rischiato di colpire il retrotreno di Verstappen...

15.43 - Interessante statistica sui pit-stop più veloci. La Williams ormai da qualche anno è al vertice almeno in questa speciale disciplina.

15.41 - "Voglio tutta la potenza a disposizione" spiega Leclerc via radio. E subito arriva la comunicazione del direttore sportivo Laurent Mekies: "Charles, dobbiamo portare le auto a casa". Laconica la risposta: "Non vi preoccupate, non farò niente di stupido".

15.39 - Dunque dobbiamo ancora attendere per vedere un po' di azione in questo tesissimo Gp di Singapore. Si tratta della Safety Car numero 19 in 12 edizioni della corsa nella Monte Carlo d'Oriente.

15.37 - Safety Car. Troppo problematico rimuovere la monoposto di Perez senza neutralizzare la corsa. Un po' "lenta" nelle decisioni la Direzione gara oggi.

15.35 - Si ferma Sergio Perez in pista seppur fuori traiettoria. Un problema tecnico per il messicano. Per adesso "solo" bandiere gialle.

15.34 - Intanto il contatto tra Grosjean e Russell è finito sotto investigazione. Leclerc è a 7 decimi da Vettel, con Verstappen che invece al momento non sembra tenere il passo dei due ferraristi. L'olandese è a 1.5 da Charles.

15.33 - Contatto tra Stroll e Giovinazzi, che è passato all'esterno in uscita dal tunnel. Stroll è furibondo via radio dopo aver danneggiato ala e gomma anteriore sinistra. Giovinazzi invece prosegue senza problemi.

15.31 - Vettel ha rallentato tantissimo prima del via ma è riuscito effettivamente a tenere a debita distanza Leclerc in ripartenza. Poi a trenino seguono tutti gli altri. Lotta ruota a ruota nelle retrovie tra Gasly e Stroll.

15.30 - Bandiere verdi! Si riparte per gli ultimi 20 giri del Gran Premio di Singapore 2019!

15.28 - È stato dato l'ordine a Sainz di sdoppiarsi. La vettura di sicurezza rientrerà ai box al termine di questo giro.

15.26 - Intanto dal muretto arriva però una parziale smentita di quanto detto poco fa: Vettel e Leclerc saranno liberi di correre, anche se entrambi hanno ricevuto la raccomandazione di correre con la testa perché l'obiettivo è quello di battere le Mercedes.

15.25 - La classifica dopo 37 giri di gara.

15.23 - Leclerc è molto deluso. Il monegasco sta spiegando via radio di non comprendere la strategia di casa Ferrari. Dal muretto è anche arrivato l'ordine: "Non prendetevi rischi in ripartenza".

15.22 - Dunque: siamo nel corso del giro 38/61 con Vettel al comando davanti a Leclerc, Verstappen, Hamilton, Bottas, Albon, Norris, Magnussen, Raikkonen e Perez.

15.20 - Nessuno tra i big si è fermato. Intanto Russell si lamenta di Grosjean, ma l'impressione è che il pilota Williams non abbia lasciato spazio al francese della Haas.

15.19 - Safety Car! George Russell è finito a muro dopo il contatto con Romain Grosjean e la Direzione gara, dopo almeno un minutino di ritardo ha optato per mandare in pista la vettura di sicurezza.

15.17 - Pit-stop per Giovinazzi, la cui gara è stata totalmente rovinata dalla strategia dell'Alfa Romeo. Si ferma anche Ricciardo con la posteriore destra forata.

15.15 - Giovinazzi è grossissima crisi e sta perdendo tantisssimo terreno. Il pugliese è anche finito a contatto con Daniel Ricciardo, il quale ha un po' perso la monoposto in accelerazione mentre tentava il sorpasso, forando la posteriore destra.

15.14 - Anche Hamilton ha scavalcato Giovinazzi. Ecco la classifica con i distacchi dopo 32 giri di gara.

15.13 - Giro 33/61, abbiamo due Ferrari al comando della gara, con Max Verstappen in terza posizione. Hamilton è invece quinto alle spalle di Antonio Giovinazzi.

15.10 - Anche Leclerc ha scavalcato sia Gasly che Ricciardo. Il monegasco è però a 5 secondi dal compagno di squadra Sebastian Vettel. A questo punto soltanto un crollo delle gomme si Vettel potrebbe ribaltare le cose in casa Ferrari (a meno di improbabili ordini di scuderia).

15.09 - Due buone notizie per Vettel: Sebastian ha scavalcato Giovinazzi per il primo posto ed è stato "scagionato" dalla Direzione gara per la manovra su Pierre Gasly.

15.07 - Sebastian Vettel ha rischiato tantissimo nel sorpasso di Pierre Gasly! Quasi una ruotata tra i due, con Gasly che poi si è accorto della presenza della Rossa all'interno e ha allargato. Ricordiamo che Giovinazzi (al comando) e poi Gasly, Ricciardo e Stroll, devono ancora fermarsi ai box.

15.06 - Charles Leclerc ha scavalcato Stroll, proprio mentre Vettel riusciva a superare Ricciardo.

15.04 - Leclerc alle spalle di Stroll sta cercando di scavalcare la Racing Point per la quinta posizione provvisoria. Ma il monegasco deve stare attento a Verstappen, subito dietro in zona Drs.

15.02 - Dunque: Giovinazzi, Gasly, Ricciardo al comando della gara, ma tutti e tre devono ancora fermarsi. Poi Sebastian Vettel che ha sorpassato Lance Stroll mettendoselo tra sé e Leclerc. Poi Verstappen, Hamilton, Bottas e Albon.

15.01 - Si ferma adesso Lewis Hamilton! Il britannico riparte con gomme Hard nuove lasciando la leadership a... Antonio Giovinazzi! Il britannico rientra in pista di poco davanti a Bottas.

15.00 - Hamilton sta letteralmente crollando con i tempi. Se si fermasse adesso rientrerebbe alle spalle addirittura di Bottas, al quale è stato chiesto comunque di rallentare per non ostacolare il compagno!

14.58 - Ovviamente aspettiamo il pit-stop di Hamilton, che adesso ha iniziato a girare piuttosto lento. E infatti Stroll al momento gira più rapido del britannico.

14.57 - Cosa sta aspettando Hamilton, che ha appena chiesto al box di non fermarsi? Sta aspettando che Sebastian Vettel e Charles Leclerc arrivi alle spalle di Lance Stroll, che dovrebbe rallentare parecchio le due Ferrari. Hamilton prosegue al comando con 17 secondi di gap su Giovinazzi.

14.56 - Leclerc prova a mettere un po' di pressione a Vettel: "Sapete che posso andare più veloce di così".

14.55 - Si ferma Bottas: il finnico rientra in pista in nona piazza, alle spalle di Verstappen ma davanti ad Albon. Si devono ancora fermare Hamilton, Giovinazzi, Gasly, Ricciardo e Stroll, che attualmente occupano le prime cinque posizioni.

14.54 - Giro 22/61 con Vettel e Leclerc che dovrebbero entrambi superare le Mercedes in caso di pit-stop. Ma una Safety Car potrebbe ribaltare le carte in tavola...

14.53 - Vettel e Leclerc stanno girando molto più forte delle due Mercedes. Ma tra poco Vettel arriverà alle spalle di Lance Stroll. Intanto Leclerc si lamenta per essere rientrato in pista alle spalle del compagno di squadra!

14.52 - Hamilton e Bottas proseguono in pista cercando di effettuare un "overcut" sulle due Ferrari.

14.51 - Si ferma Leclerc, Hamilton e Bottas proseguono. Gomme "bianche" anche per Leclerc, che rientra in pista alle spalle di Sebastian Vettel!

14.50 - Vettel è rientrato in pista in nona posizione, alle spalle di Lance Stroll, con la Red Bull di Verstappen dietro la Renault di Grosjean.

14.49 - Si fermano Vettel e Verstappen per montare gomme dure. Si infiammerà adesso la gara perché questa sarà la prima e ultima sosta della loro gara.

14.47 - C'è anche una bella lotta per la dodicesima posizione tra Hulkenberg e Grosjean. Intanto Leclerc è andato vicinissimo a colpire il muro con la posteriore sinistra in uscita da curva-13.

14.46 - Rientrato alle spalle di Kubica, Kimi Raikkonen è riuscito adesso a superare la Williams. Il polacco è poi stato scavalcato anche da Perez e Kvyat.

14.45 - Hamilton e Leclerc stanno adesso facendo sul serio. I primi quattro hanno segnato il proprio miglior giro: c'è bisogno di darsi una mossa proprio per evitare l'undercut dei piloti di centro gruppo.

14.44 - Leclerc sta iniziando un po' a spingere: il monegasco ha 1.6 di gap da Lewis Hamilton, il quale si è aperto in radio spiegando che le gomme stanno facendo un po' fatica in questa fase. Siamo nel corso del giro 17/61.

14.42 - Si ferma Kimi Raikkonen per montare le gomme Hard. Davvero surreale la situazione adesso: chi si ferma adesso ai box guadagna circa due secondi al giro su Mercedes, Ferrari e Red Bull. Questo potrebbe creare delle situazioni decisamente sorprendenti dopo il primo pit-stop...

14.40 - Hamilton sembra adesso spingere un po' di più alle spalle di Leclerc. Il monegasco viene anche avvisato dai box della necessità di inserire una mappatura speciale per risparmiare benzina.

14.39 - Questa immagine è emblematica del trenino - fino a questo momento decisamente noioso - tra i big al comando della classifica.

14.38 - Continua a essere una gara di grande attesa. Ecco la classifica dopo 13 giri dei 61 previsti.

14.36 - Intanto Leclerc è praticamente teleguidato da Xavier Marcos al muretto. Il suo ingegnere di pista chiede giro per giro il tempo target da tenere.

14.35 - Qui Mercedes: Bottas è stato informato via radio che le temperature dei freni iniziano a essere una preoccupazione.

14.34 - Bello anche il sorpasso di Perez ai danni di Kvyat, che in due giri ha perso tre posizioni scivolando in quindicesima piazza. Il russo è anche andato a sfiorare il muro in uscita di curva-14, con Checo che si è infilato all'interno della piega successiva.

14.32 - Chi invece non sta pensando alle gomme ma è totalmente on fire è Daniel Ricciardo! Il pilota Renault ha provato ad attaccare Daniil Kvyat praticamente in ogni curva prima di riuscire a scavalcare il rivale in curva-14 (grazie anche al Drs). Ne ha poi approfittato anche Stroll, che si è infilato beffando la Toro Rosso.

14.31 - Hamilton inizia a lamentarsi del ritmo imposto da Leclerc: "Non posso andare più lento di così". Che sia un segnale di guerra dalla Mercedes pronta ad andare all'attacco?

14.30 - Questa situazione ovviamente svantaggia chi volesse provare l'undercut: da Giovinazzi, ottavo, in poi, tutti i piloti hanno gomme Medium. Questo vuol dire che il primo che si fermerà ai box si troverà nel traffico alle spalle di vetture più lente.

14.29 - Ancora a trenino i big, quando siamo nel corso del giro 9/61. Tra il leader Leclerc e il sesto della classifica, Alexander Albon, ci sono solo 4.5 secondi.

14.27 - Nessuna azione per il contatto tra Hulkenberg e Sainz. Intanto Daniel Ricciardo ha scavalcato Lance Stroll per la tredicesima posizione. Bello l'attacco dell'australiano all'interno di curva-7.

14.25 - Sempre per capire quanto i big stiano gestendo le gomme, Lando Norris è settimo a soli 2 secondi da Albon, ultimo del trenino dei top team. Il che significa che, dopo 7 giri, le vetture del pacchetto di mischia stanno tenendo il passo dei migliori.

14.24 - La regia ci ha mostrato intanto le immagini del contatto tra Sainz e Hulkenberg in curva-5. Il tedesco della Renault ha provato l'attacco all'interno ma lo spagnolo aveva già chiuso la porta ed il contatto tra l'anteriore sinistra e la posteriore destra è stato inevitabile.

14.22 - Leclerc ha un vantaggio di 7 decimi su Hamilton e 1.8 su Vettel. Poi Verstappen, staccato di un secondino da Seb. Davanti, insomma, procedono un po' tutti a trenino.

14.21 - Per farvi capire quanto davanti stiano andando piano possiamo dirvi che il giro più veloce l'ha fatto Nico Hulkenberg in diciottesima posizione con gomme dure! 1:47.539 per il tedesco della Renault, che ha girato due secondi più rapido di Leclerc e Hamilton!

14.20 - Leclerc, Hamilton, Vettel, Verstappen, Bottas, Albon, Norris, Giovinazzi, Magnussen e Gasly. Questi i primi dieci della classifica.

14.19 - Per il momento Leclerc sta tenendo un ritmo abbastanza blando, con tutto il resto del gruppo a seguire. L'impressione è che in questa fase - ed era accaduto anche lo scorso anno - tutti stiano gestendo le gomme per allungare quanto più possibile il primo stint.

14.18 - Non inizia benissimo per Sainz, che adesso è già doppiato dai leader della gara. Il madrileno è tornato in pista dopo una sosta lunghissima.

14.16 - Deve esserci stato un contatto nelle retrovie tra Hulkenberg e Sainz, visto che entrambi sono rientrati ai box. Intanto anche George Russell è stato costretto al pit-stop a causa di un colpo in curva-1 con Ricciardo.

14.14 - Subito all'attacco Sebastian Vettel, che già nelle prime curve ha provato ad affiancare Lewis Hamilton. Il britannico si è comunque difeso bene riuscendo a respingere gli attacchi del tedesco. Intanto Charles vola via, già con un secondino di margine sul resto del gruppo.

14.13 - Si spengono le luci dei semafori e... Parte il Gran Premio di Singapore 2019! Tutto regolare in partenza, con Leclerc che tiene la prima posizione seguito da Hamilton, Vettel, Verstappen e Bottas.

14.12 - Tutte le vetture si sono correttamente mosse dalla griglia di partenza. Tra pochi istanti lo spegnimento dei semafori...

14.10 - Si parte, via al giro di formazione del Gran Premio di Singapore 2019, quindicesima prova del mondiale di Formula 1. 23 curve da percorrere lentamente prima di dare il via alle danze...

14.08 - Ecco qui le gomme scelte dai piloti al via del Gp di Singapore. Praticamente tutti, dal decimo in poi, hanno scelto le gomme Medium. Unica eccezione è Pierre Gasly, undicesimo con le Pirelli Hard.

14.05 - Cinque minuti al via del giro di formazione del Gran Premio di Singapore 2019. Salgono le pulsazioni in griglia e in redazione (e anche sul divano probabilmente).

14.04 - Che ne dite del panorama?

14.02 - Tra poco conosceremo le gomme di partenza dei piloti al via. Sicuramente i primi nove della griglia utilizzeranno le Soft con cui è stato segnato il miglior tempo in Q2.

13.59 - Capitolo strategie: secondo Pirelli, la migliore è partire con Soft e poi montare le Medium. In alternativa si parla di Medium (dal decimo posto in poi) e Hard. Ricordiamo che le Mercedes non hanno gomme "gialle" nuove, per cui sicuramente saranno obbligate a partire con morbide e poi switchare sulle dure.

13.57 - Abbiamo già visto alcune immagini della pista di Singapore, già illuminata a giorno dalle luci artificiali. 10% di rischio pioggia, 37 gradi la pista 30 l'atmosfera (con la solita opprimente umidità).

13.55 - Momento dell'esecuzione solenne dell'Inno nazionale di Singapore. Tutti i piloti sono schierati in testa alla griglia, davanti alle monoposto.

13.53 - Uno degli elementi chiave della gara di oggi potrebbe essere l'ingresso della Safety Car: è accaduto ben 17 volte negli ultimi 11 anni. Un fattore pressoché certo a Singapore e sarà importante sfruttarlo al meglio dal punto di vista strategico.

13.50 - Questa la griglia di partenza del Gran Premio di Singapore 2019.

Pos Pilota Team Tempo
1 Charles Leclerc Ferrari 1:36.217
2 Lewis Hamilton Mercedes 1:36.408
3 Sebastian Vettel Ferrari 1:36.437
4 Max Verstappen Red Bull-Honda 1:36.813
5 Valtteri Bottas Mercedes 1:37.146
6 Alexander Albon Red Bull-Honda 1:37.411
7 Carlos Sainz McLaren-Renault 1:37.818
8 Nico Hulkenberg Renault 1:38.264
9 Lando Norris McLaren-Renault 1:38.329
10 Antonio Giovinazzi Alfa Romeo-Ferrari 1:38.697
11 Pierre Gasly Toro Rosso-Honda 1:38.699
12 Kimi Räikkönen Alfa Romeo-Ferrari 1:38.858
13 Kevin Magnussen Haas-Ferrari 1:39.650
14 Daniil Kvyat Toro Rosso-Honda 1:39.957
15 Sergio Perez* Racing Point-Mercedes 1:38.620
16 Lance Stroll Racing Point-Mercedes 1:39.979
17 Romain Grosjean Haas-Ferrari 1:40.277
18 George Russell Williams-Mercedes 1:40.867
19 Robert Kubica Williams-Mercedes 1:41.186
20 Daniel Ricciardo** Renault SQ

*Cinque posizioni di penalità per sostituzione cambio.
**Squalifica per utilizzo eccessivo di potenza.

13.45 - Buon pomeriggio e buona domenica a tutti, cari lettori di MotorBox. Siamo in diretta per raccontarvi l'attesissimo Gran Premio di Singapore 2019, che vede una Ferrari, quella di Charles Leclerc, partire davanti a tutti. Tra 25 minuti il via al giro di formazione, poi la gara più lunga della stagione con 61 giri che di solito arrivano al limite massimo delle due ore.


TAGS: ferrari mercedes formula 1 vettel f1 Hamilton GP singapore verstappen leclerc f1 2019 Marina Bay SingaporeGP 2019 GP Singapore LIVE Live GP Singapore 2019 Live gara GP Singapore 2019