Autore:
Salvo Sardina

VERSO SINGAPORE Dopo la scorpacciata di soddisfazioni nelle ultime due tappe del calendario europeo, la Ferrari azzera tutto e si appresta a ripartire da Singapore. Un tracciato, quello di Marina Bay, che presenta caratteristiche molto differenti rispetto alle velocissime Spa e Monza e che, per questo, potrebbe ribaltare i rapporti di forza visti negli ultimi appuntamenti del mondiale F1. Riusciranno Charles Leclerc e Sebastian Vettel, con la complicità degli aggiornamenti tecnici annunciati da Mattia Binotto, a tenere alta la bandiera del Cavallino anche nel Gp di Singapore?

PARLA SEBDopo Spa e Monza – ha spiegato il tedesco della Ferrari alla vigilia della trasferta asiatica – ci spostiamo su un circuito completamente differente, ma che amo molto. Quello di Singapore è un tracciato cittadino con asfalto sconnesso che non concede margine di errore. Oltre a questo, è una delle poche corse in notturna della stagione. Tutto il weekend è un po’ particolare perché di solito noi piloti continuiamo a vivere con il fuso orario europeo, per cui può capitare di lasciare il circuito a notte fonda quando per i locali è ormai ora di risvegliarsi. Il layout della pista richiede il massimo carico aerodinamico e a disposizione avremo le tre mescole più morbide. Fare un pronostico è praticamente impossibile, ci sono tante variabili e noi comunque siamo pronti per giocarci le nostre carte”.

F1 GP Italia 2019, Monza, Sebastian Vettel e Charles Leclerc (Ferrari)

“CALDO” CHARLES Reduce da due vittorie consecutive in campionato, Charles Leclerc ha invece posto l’accento soprattutto sulle curve lente che potrebbero mettere un po’ in difficoltà la SF90, oltre che sullo stress fisico cui sono sottoposti i piloti nel weekend di Marina Bay: “Quella di Singapore è probabilmente la gara più difficile in assoluto per noi piloti, se non altro per il caldo e il livello di umidità. Dal mio punto di vista però è sempre un bel luogo nel quale andare a gareggiare. Dopo due weekend decisamente positivi in Belgio e Italia, il circuito di Singapore non sembra essere il più adatto alle caratteristiche della nostra vettura perché il tracciato è piuttosto diverso da quelli sui quali abbiamo recentemente vinto. Ci sono meno rettilinei e più curve lente, cosa che potrebbe complicarci la vita. Detto questo siamo più motivati che mai a ottenere il miglior risultato possibile”.


TAGS: ferrari formula 1 vettel f1 GP singapore leclerc f1 2019 Marina Bay SingaporeGP 2019