Autore:
Salvo Sardina

GIORNATA DIFFICILE Il venerdì di Singapore non ha regalato particolari soddisfazioni a Charles Leclerc, che forse ha subito capito quanto sarà difficile ripetere gli exploit vincenti di Spa e Monza. Il monegasco ha infatti chiuso le due sessioni al diciannovesimo e sesto posto, soffrendo anche un problema al cambio in PL1 che gli ha fatto perdere circa metà sessione, impedendo anche di completare la prova comparativa delle nuove componenti aerodinamiche portate in pista dagli ingegneri Ferrari.

PROBLEMA AL CAMBIONelle prove libere 1 – ha spiegato Leclerc dopo la bandiera a scacchi – abbiamo avuto un problema al cambio quindi ho perso la possibilità di percorrere qualche giro in più, cosa che è sempre importante su un circuito cittadino. Nelle PL2 non ho trovato grande confidenza con la macchina, ma anche con il circuito a dire il vero. Devo lavorare in vista di domani, c’è bisogno di migliorare anche sul piano della guida”.

F1 GP Singapore 2019, Marina Bay: Charles Leclerc (Ferrari) all'interno dell'abitacolo della SF90

TORNO SABATO Il venerdì complicato non ha però demoralizzato il monegasco di casa Ferrari: “Non è un grosso problema, è già successo altre volte che il venerdì non mi trovavo dove avrei voluto trovarmi. Quindi devo lavorare sperando che il sabato sia un giorno migliore. I pochi giri in PL1? Sì, sicuramente non aiutano, ma non deve essere una scusa. Credo che sia anche una questione che dipende da me. Ci lavorerò e domani andrà meglio. Gli avversari sono molto forti, sarà molto difficile ma comunque ce lo aspettavamo”.


TAGS: ferrari formula 1 f1 GP singapore leclerc f1 2019 Marina Bay SingaporeGP 2019