Pubblicato il 06/06/21

CHECO SALVA IL WEEKEND La Red Bull esce dal GP Azerbaijan con un bilancio decisamente positivo, nonostante l'amaro ritiro di Max Verstappen mentre era lanciato verso la vittoria. Il merito è di Sergio ''Checo'' Perez, capace di cogliere la sua seconda vittoria in carriera su un tracciato che lo aveva già visto salire sul podio in due occasioni. Il team austriaco, complice l'errore alla ripartenza di Lewis Hamilton, ha così mantenuto la leadership in entrambe le classifiche iridate, allungando a +26 sulla Mercedes nel Costruttori. La domenica di Baku ha rischiato però di essere una beffa completa per gli uomini di Chris Horner, dato che anche Perez è stato a un passo dal ritiro, motivo per cui il messicano ha poi parcheggiato la sua RB16B subito dopo il traguardo, rientrando ai box per la premiazione a bordo della Medical Car.

IL MOTIVO DELLO STOP A svelare l'inconveniente che ha fatto tremare il box Red Bull è stato proprio Horner: ''Sergio è stato veloce per tutto il weekend, l'unico giro che non ha fatto bene è stato quello in qualifica ieri. La sua gara, il suo ritmo erano sbalorditivi, ha fatto un bel sorpasso sulla Ferrari e, se non avessimo perso tempo al pit-stop, avrebbe potuto scavalcare anche Verstappen dato il suo tempo in quel giro. Poi ha duellato duramente con Hamilton e stava anche curando un problema idraulico. Eravamo davvero preoccupati che la macchina non arrivasse alla fine della gara, motivo per cui si è fermato subito dopo la bandiera a scacchi''. Nel team radio con i complimenti del muretto Red Bull (video qui sotto), si sente subito il suo ingegnere di pista che lo invita a fermare la macchina: ''Stop the car!''.

IL RACCONTO DI PEREZ L'altalena di emozioni e questo rischio finale hanno reso ancora più dolce il sapore della vittoria per Perez, che racconta così la sua intensa domenica azera: ''Sono così felice per oggi, normalmente Baku è piuttosto pazza. Prima di tutto devo dire che mi dispiace molto per Max, perché ha fatto una gara eccellente, meritava davvero la vittoria. Sarebbe stato incredibile ottenere quell'1-2 per la squadra, ma alla fine è una giornata fantastica per noi. Eravamo vicini al ritiro della macchina, ma fortunatamente siamo riusciti a finire. È stato davvero abbastanza difficile fino alla fine. Hamilton ha avuto un ritmo molto forte per tutta la gara, noi abbiamo avuto un cambio gomme lento e quindi si è avvicinato un po' e mi ha pressato. Ho avuto pressione da lui praticamente sin dall'inizio e poi alla ripartenza ho avuto un brutto scatto, lui era al mio fianco, ma non volevo mollare. Ho frenato il più tardi possibile e lui ha fatto lo stesso, ma non gli è andata bene''. Con i 25 punti di oggi, che fanno seguito ai 15 del terzo posto ottenuto nel GP Monaco, Perez sale al terzo posto nel Mondiale Piloti, cominciando a dare quel contributo che da lui si attende la Red Bull.


TAGS: f1 perez AzerbaijanGP 2021 problema