AHI AHI, CHE BOTTAS! La debacle tedesca al GP casalingo è stata subito dimenticata dalla Mercedes e da Lewis Hamilton, con la vittoria di forza conquistata oggi al Gran Premio d'Ungheria. L'unica nota stonata è stato il comportamento in pista di Valtteri Bottas, ancora una volta incapace di concretizzare l'ottima prova in qualifica nei confronti del compagno di team. L'ormai demotivato "boscaiolo" vede ora il suo sedile a forte rischio, soprattutto dopo le dichiarazioni che il suo boss, Toto Wolff, ha rilasciato a mezzo stampa.

LA CHANCE DI ESTEBAN "Mi dispiace molto per Valtteri" - ha spiegato il sibillino Wolff - "Abbiamo una decisione difficile da prendere davanti a noi, tra Esteban Ocon e Valtteri Bottas, ho un po' male di cuore per questo. Ritorniamo a casa, riordiniamo le idee, e ne discutiamo all'interno della squadra." Punzecchiato da Davide Valsecchi, opinionista per Sky, sulle motivazioni che lo portano a cambiare una squadra vincente, il manager austriaco ha aggiunto: "È una discussione che dobbiamo fare in chiave futura. C'è un giovane come Esteban che merita la possibilità, ma è anche vero che avrà molta pressione se lo dovessimo mettere in una Mercedes, contro Lewis Hamilton può essere molto difficile. Per Max (in Red Bull) e Charles (in Ferrari) sta funzionando, ma sono casi molto rari." 

FAME DA CAMPIONI Toto Wolff ha parlato anche della gara e della sorprendente strategia della Mercedes, che ha funzionato e regalato a Lewis un'auto in grado di fargli fare un sol boccone del talentuoso rivale: "Sapevamo che se non avessimo provato qualcosa saremmo arrivati secondi. Il nostro tattico aveva dubbi ma ci abbiamo comunque provato, perché eravamo consci del fatto che quando Lewis vede la preda, se la va a mangiare, e ha fatto così! Una grande vittoria per lui, ma anche una vittoria di squadra, abbiamo riscattato Hockenheim con una gara perfetta."


TAGS: mercedes formula 1 valtteri bottas toto wolff esteban ocon f1 2019 HungarianGP 2019 GP Ungheria 2019