Autore:
Paolo Sardi
Pubblicato il 17/02/2009 ore 15:49

FACCIAMO ORDINE Mentre si prepara alla passerella del Salone di Ginevra, la Classe E berlina deve cedere il centro della ribalta alla variante Coupé, le cui prime foto hanno iniziato a circolare in rete e che nel listino Mercedes sostituirà, a partire dalla tarda primavera, la CLK. Questa sigla è quindi destinata a scomparire nell'ottica di una razionalizzazione della gamma. La stessa fine toccherà più avanti con ogni probabilità anche alla CL, che, stando alle voci che circolano, potrebbe essere considerata in futuro una "semplice" versione sportiva della Classe S.

GOCCE D'ACQUA Tornando alla E Coupé, il suo legame con la sorella a tre volumi è chiaramente fortissimo. Dalla linea di cintura in giù le due macchine sono uguali come gocce d'acqua. Ovviamente la parentela più stretta è con gli allestimenti sportivi: a fare da ritornello ci sono i fendinebbia a Led disposti a L, le minigonne più movimentate, uno spoiler anteriore grintoso e un paraurti posteriore con una zona nera che ricorda un diffusore.

PECCATO VENIALE L'elemento distintivo della Coupé è, neanche a dirlo, il padiglione, che disegna un arco quasi perfetto sopra una fiancata a cuneo e resa muscolosa dai parafanghi che sporgono come i deltoidi di un body builder. A rendere pulita la vista d'insieme contribuisce l'assenza di un vero e proprio montante centrale. E' invece un peccato che non sia stato possibile eliminare il piccolo cristallo fisso a ridosso del montante posteriore.

AGUZZATE LA VISTA Internamente le differenze maggiori rispetto alla berlina si concentrano nella zona posteriore, dove, al posto del classico divano per tre, sono creati due posti singoli dai bordi ben profilati per trattenere busto e gambe quando il pilota inizia a fare sul serio. Le due plance sembrano invece pronte a finire sulla Settimana Enigmistica per il classico gioco "aguzzate la vista", alla ricerca delle differenze nascoste. La prima cosa che si nota è la diversa forma delle bocchette dell'aria, assieme alla diversa nicchia per il navigatore, ma nel complesso è chiara la discendenza dallo stesso ceppo etnico.

CUORI IN COMUNE Sotto il cofano della Coupé è attesa una selezione dei motori della Classe E berlina. Tra i "convocati" sono certi due turbodiesel e tre unità a benzina. Quanto ai primi, non mancherà di sicuro il recentissimo quattro cilindri 250 CDI, con doppio turbo e iniettori piezoelettrici, accreditato di 204 cv e 500 Nm, capace di accontentarsi di un litro di gasolio ogni 18,9 km. Per i seguaci di Rudolf Diesel più esigenti ci sarà anche la E 350 CDI, con sei cilindri e 231 cv.

AVANTI TUTTA Il fronte a benzina sarà popolato invece dalla250 CGI con iniezione diretta, 204 cv di potenza e 310 Nm di coppia. Salendo verso il vertice della gamma ci s'imbatterà nella 350 CGI, V6 da 292 cv, prima di arrivare alla 500, con motore V8 da 388 cv. Per il momento pare ci si possa accontentare così (sai che sforzo...) ma in futuro si può dare per scontato l'arrivo anche di qualche allestimento più cattivo curato dall'AMG. E in tema di sviluppi futuri, la Coupé sarà sicuramente il punto di partenza anche per la Classe E cabriolet (anzi coupé cabriolet, visto il tetto rigido pieghevole) prossima ventura, che completerà la gamma assieme alla station wagon.


TAGS: mercedes classe e coupé Salone di Ginevra 2009 - l'elenco completo