Pubblicato il 18/07/20

CONTINUA EVOLUZIONE Gli scenari di mercato continuano a cambiare con la stessa rapidità con cui cambia il meteo in Inghilterra e così, nell'arco dello stesso weekend, anche il principale candidato a cedere il sedile della Racing Point a Sebastian Vettel è mutato. Se fino a giovedì sembrava toccasse a Sergio Perez il ruolo di vittima sacrificale, con il passare delle ore hanno preso via via sempre più forza le voci che vorrebbero invece Lance Stroll in uscita dal team del padre Lawrence.

LANCE IN BILICO Di questa prospettiva vi avevamo già parlato in un articolo di giovedì in cui vi aggiornavamo sulle mosse dell'agente di Perez, ma lo scenario che vede Stroll lasciare la Racing Point sembrava ancora debole. Nel paddock dell'Hungaroring, nonostante la minor presenza di giornalisti e manager rispetto alle normali stagioni, le indiscrezioni continuano a circolare. L'ultima viene riportata da Jack Plooj, inviato a Budapest per la tv olandese Ziggo Sport: ''Le voci stanno diventando più forti circa la possibilità che la Racing Point stia discutendo di chiudere con Lance Stroll e trovargli un'altra squadra. La domanda è se Lawrence Stroll sarà un vero uomo d'affari e caccerà suo figlio dalla squadra, ma credo che ciò possa davvero accadere''.

Lawrence Stroll (Racing Point) e Toto Wolff (Mercedes)

IL RUOLO DI WOLFF Si dice che un ruolo nell'operazione che porterebbe Vettel alla futura Aston Martin lo stia giocando Toto Wolff, detentore di una piccola quota della nuova società che ha rilevato lo storico marchio all'inizio di quest'anno nonché buon amico di Stroll senior. Nel venerdì del GP Ungheria, è stato chiesto al boss della Mercedes se avrebbe piacere di fare da manager al pilota tedesco, dopo aver già gestito in precedenza Valtteri Bottas ed Esteban Ocon: ''Se fossi il manager di Sebastian sicuramente andremmo molto d'accordo, ma non sono sicuro che gli farei bene. Non sono così sicuro che le squadre sarebbero così felici di parlare con me'' ha detto con tono scherzoso l'austriaco.


TAGS: vettel f1 Racing Point HungarianGP 2020