Pubblicato il 17/07/20

INVERSIONE DEI RUOLI Dopo due gran premi della stagione 2020, la classifica Costruttori recita: McLaren 39 punti, Ferrari 19. 20 punti di distacco che forse non rendono neppure l'idea della differenza di potenziale mostrata finora tra la vettura del team di Woking, capace di ottenere il giro più veloce in entrambe le gare disputate al Red Bull Ring, e quella di Maranello. Uno scenario assolutamente imprevedibile fino a pochi mesi e che pone Carlos Sainz nella paradossale situazione di poter avere qualche rimorso per aver scelto di lasciare il prossimo anno la scuderia britannica per quella italiana, dove sostituirà SebastianVettel.

NESSUN PENTIMENTO Dell'argomento si è parlato alla vigilia del GP Ungheria, con Sainz che ha negato di essersi pentito per la sua scelta: ''Sono un po' sorpreso da quante persone mi chiedono se me ne pento. Non me ne pento in alcun modo. Penso che voi capiate il perché - ha dichiarato ai giornalisti - ma ci sono molti che non capiscono così tanto la F1 che si chiedono perché al momento debba andare dalla McLaren alla Ferrari. Chiedete alla Racing Point quanto sono migliorati da un anno all'altro. O come la Ferrari sia peggiorata da un anno all'altro. La F1 è imprevedibile. È incredibile come un progetto, un motore, tutto in un'auto di F1 possa improvvisamente renderti molto più competitivo. Sono abbastanza sicuro che la Ferrari non abbia dimenticato come si fanno le auto veloci''.

F1, GP Austria 2020: Charles Leclerc (Ferrari) e Carlos Sainz (McLaren)

SITUAZIONE MOTIVANTE Dal suo punto di vista, per ora ancora esterno, Sainz ha una spiegazione per il passo indietro registrato quest'anno dalla Rossa: ''C'è un team chiamato Mercedes che fa così bene che gli altri team devono correre dei rischi per raggiungerlo e superarlo, ed è difficile. A volte corri dei rischi e non funziona, ma a volte in F1 è necessario prenderli. In realtà mi motiva molto andare in una scuderia che non sta attraversando il suo momento migliore, perché una volta che le cose iniziano a migliorare, questo è ciò che può motivarti di più''. La McLaren è attualmente seconda nella classifica Costruttori, mentre la Ferrari è solo quinta. Per quanto riguarda i piloti, Lando Norris è terzo dietro alla coppia della Mercedes, mentre Sainz con 13 punti insegue a cinque lunghezze il suo futuro compagno di squadra, Charles Leclerc.


TAGS: ferrari sainz mclaren f1 HungarianGP 2020