Pubblicato il 10/07/20

CONFERENZA VIRTUALE Come sempre è possibile coglieee indizi e sfumature interessanti dai briefing post sessione con Mario Isola, responsabile del motorsport Pirelli per la Formula 1. Nell'incontro con la stampa di oggi si è parlato di Mugello, di DAS e pista bagnata, e dei motivi per cui il gap tra le prestazioni della Medium e quelle della Soft è apparso più che raddoppiato rispetto a solo una settimana fa. E partendo da questo aspetto interessante, Isola ha subito spiegato le logiche motivazioni che hanno portato il divario tra le due mescole da circa 4 decimi a un secondo.

GAP RADDOPPIATO ''Ogni team ci aveva fornito tante buone informazioni raccolte nello scorso wekend per cui per farci un'opinione non abbiamo avuto bisogno di troppo tempo quest'oggi'' - ha esordito il manager Pirelli - ''L'unico dato variato di molto in una settimana è il grosso gap che si è aperto tra le prestazioni ottenute con gomme Medium e Soft quest'oggi rispetto a venerdì scorso, circa 0.9''-1.0'' al giro, molto considerando quanto sia breve il giro qui a Spielberg, mentre nella prima gara eravamo a 0.3''-0.4''. La spiegazione è semplicemente che in questa sessione con la Soft hanno spinto tutti un po' di più, visto che c'è la possibilità che i risultati ottenuti vadano a costituire la griglia di partenza, in caso di annullamento per maltempo delle qualifiche di domani''.

F1 2020: le diverse mescole Pirelli

DAS E POZZANGHERE E proprio perché domani dovrebbe piovere copiosamente, sia nelle PL3 che in qualifica, Mario Isola ha parlato anche di cosa ci si aspetta su una pista come Spielberg in condizioni di bagnato. ''Con i tanti saliscendi è possibile che in qualche area della pista si formino delle grosse pozzanghere, non saprei indicare con precisione un'area particolare'' - ha spiegato, rispondendo poi a una domanda circa la possibilità che il DAS - il famigerato sistema che permette ai piloti della Mercedes di variare la convergenza delle gomme in corsa -  sia utile o meno con la pioggia: ''Questa è una bella domanda: ne abbiamo discusso con gli ingegneri Pirelli. La mia opionione è che con pista bagnata il Das potrebbe essere utile per portare in temperatura le gomme anteriori, visto il netto calo di temperatura che ci si aspetta con la pioggia. In condizioni di asciutto invece possono usarlo in modo di non stressare la gomma e cercare di allungarne la vita, soprattutto di quelle a mescola più morbida, ma questa è solo una mia sensazione''.

F1 Test Ferrari Mugello 2020: Sebastian Vettel in azione

 

CHE PISTA! Infine Mario Isola ha parlato anche della novità del giorno per la Formula 1, ovvero il fatto che tra due mesi, il 13 settembre, si andrà a correre su una pista inedita e impegnativa come il Mugello, dove la Ferrari festeggerà il suo 1000° Gran Premio in Formula 1. ''Nei giorni scorsi abbiamo fatto delle comparazioni, e se posso dare una mia opinione, l'idea che mi sono fatto è che sia una pista comparabile a Silverstone o a Suzuka, dunque ai circuiti più severi con le gomme, dove ci sono tantissime frenate e ripartenze, ma anche altrettante curve veloci, sappiamo dalle altre categorie che è molto impegnativa per le gomme''.


TAGS: pirelli mugello formula 1 f1 2020 Mario Isola GP Stiria 2020 StyrianGP 2020