Pubblicato il 12/07/20

AUSTRIA BIS Se il GP di domenica scorsa è stato un susseguirsi di emozioni, la replica ribattezzata GP Stiria è stata un po' una copia sbiadita, con meno caos (se si eccettuano gli ultimi giri) e una gara molto più lineare, dominata dal primo all'ultimo passaggio da Lewis Hamilton, alla vittoria numero 85 in carriera e a -6 da Michael Schumacher. Dietro di lui Bottas e Verstappen, protagonisti di un bel duello nel finale appannaggio del finlandese. Per il resto, qualche bel sorpasso (che bravi Perez e Norris!) e molti meno ritiri, solo tre, compresi quelli avvenuti al via con il disgraziato incidente tra Vettel e Leclerc, tutta colpa di quest'ultimo che piomba dalle stelle alle stalle nel giro di una settimana. Di seguito i giudizi, pilota per pilota, della gara austriaca.

GP Stiria 2020, Spielberg: Lewis Hamilton (Mercedes)

LEWIS HAMILTON Fa quello che sa fare meglio: vincere... e palesare la superiorità del pacchetto che forma con la sua auto. Scatta bene dalla pole e se ne va, prendendo un margine di sicurezza su Max Verstappen, matenuto anche dopo la sosta al giro 28, avvenuta in tutta tranquillità. Troppo facile, e con il super giro di ieri in qualifica è impossibile non dargli il massimo dei voti, anche perché stavolta non sbaglia nulla. VOTO 10

MAX VERSTAPPEN Non riesce a tenere dietro la Mercedes di Bottas nel finale ma sfodera una difesa ad armi impari pazzesca, nel corso del primo tentativo di sorpasso del finlandese. Senza la sosta finale per fare il giro veloce, avrebbe rifilato mezzo minuto al compagno, e anche questa non è cosa da poco. È un fuoriclasse e non lo scopriamo oggi, ma la cosa che preoccupa è che lo scorso anno Spielberg fu una pista Red Bull, oggi Max non ha potuto fare niente contro le due frecce nere. L'Ungheria, settimana prossima, sarà già una gara-verità. VOTO 9

GP Stiria 2020, Spielberg: Valtteri Bottas (Mercedes) e Max Verstappen (Red Bull)

VALTTERI BOTTAS Le qualifiche bagnate lo penalizzano, parte quarto e non può mettere in difficoltà Lewis Hamilton. Si sbarazza di Sainz dopo pochi giri e poi resta a lungo sornione, tenuto in pista a lungo dalla Mercedes per il primo stint. Grazie a questa strategia può attaccare Verstappen nel finale e, non senza difficoltà, portarsi sul secondo gradino del podio per confermare la leadership iridata. Buona gara ma sostanzialmente fa quello che deve fare con l'astronave a disposizione. VOTO 8,5

ALEX ALBON Parte sesto, guadagna subito la posizione su Ocon e, più tardi, quella su Sainz, dopodiché si mette lì a fare la sua gara, praticamente mai inquadrato dalle telecamere. Impossibile non notare però il divario prestazionale con il suo compagno di squadra, da cui - senza la seconda sosta di Max per tentare il giro veloce nel finale - avrebbe incassato oltre mezzo secondo. Negli ultimi giri si difende da Perez e salva la quarta piazza, rischiando un'uscita di pista identica a quella della scorsa settimana, nello stesso punto ma con una ''Mercedes'' diversa a toccarlo. VOTO 7

GP Stiria 2020, Spielberg: Lando Norris (McLaren) e Sergio Perez (Racing Point)

LANDO NORRIS Parte nono e in sordina, viene passato da Lance Stroll nelle prime fasi di gare (più potente la Racing Point a parità di gomme), ma si riscatta nel finale quando, con la giusta strategia, si ritrova gomme più fresche nel finale e si rende autore di una bella rimonta, conclusa con due posizioni guadagnate negli ultimi due giri su Ricciardo e - soprattutto - su Stroll. Alla fine gli arriva tra le mani anche il quinto posto, con Perez (senza ala) infilato a due giri dalla fine. Sta maturando meglio dei pomodori in estate! VOTO 9

SERGIO PEREZ Sarebbe l'MVP di giornata se non rovinasse quasi tutto con lo sfortunato assalto finale ad Albon. Generosissimo, e assecondato dalla sua Mercedes rosa, passa tutta la gara a recuperare sin dallo scatto avvenuto dalla 17° casella, rendendosi peraltro protagonista di un sorpasso da antologia su Carlos Sainz. Passa in pista anche il compagno Stroll, dimostrando la differenza di spessore con il collega, salvo rischiare di cedergli nuovamente la posizione proprio sotto la bandiera a scacchi, dopo aver fatto gli ultimi due giri con l'ala anteriore rotta nel tentativo di sorpasso di Albon. VOTO 9

LANCE STROLL Parte 12° e supera subito Vettel, poi passa anche Gasly e diventa ottavo al giro 18. Quando si ritira Ocon scala in settima posizione e poi si aggira attorno a quel piazzamento fino alla fine, perdendo la posizione sul più arrembante ed esperto compagno Perez, ma riprendendola nel finale su Ricciardo. Viene però infilato anche dal ragazzino Norris, che ridimensiona di molto la sua prestazione. VOTO 6

RENAULT Ottima gara per DANIEL RICCIARDO (VOTO 7), sempre nelle posizioni di vertice della pancia del gruppo. Nel finale, lottando con Stroll, viene portato largo dal canadese e perde la posizione anche su Norris. Deve accontentarsi dell'ottava piazza, che con la sua auto non è ''accia''. Nel corso della gara viene anche rallentato inutilmente nella sua rimonta dal compagno ESTEBAN OCON (VOTO 7), che era su strategia diversa e che si è ritirato presto per un problema di surriscaldamento mentre era in piena zona punti, e stava rendendosi autore comunque di una bella prova.

CARLOS SAINZ Il rovescio della medaglia in casa McLaren è rappresentato dalla sfortunata gara di Carlos Sainz, che senza colpe enormi scivola dalla terza piazza di partenza, alla nona d'arrivo. Nelle prime fasi non può difendersi né da Bottas, né da Albon, poi al pit-stop perde tempo per un problema a una gomma, e rientra nel traffico di Grosjean, non potendo difendersi dal ritorno delle Racing Point. Nel finale decidono di fermarlo una volta in più per fargli tentare il giro veloce e ci riesce, vincendo il duello a distanza con Verstappen. VOTO 6,5

GP Stiria 2020, Spielberg: Charles Leclerc (Ferrari)

SEBASTIAN VETTEL Il weekend termina peggio di come era iniziato, il che è tutto dire. Sbaglia la partenza (è vero che aveva gomme più dure di chi lo ha superato) e alla seconda staccata viene centrato dal compagno, gara finita dopo 25 secondi. VOTO S.V.

CHARLES LECLERC Ci si attendeva una gara aggressiva da parte sua visto l'annuncio fatto al termine della deludente qualifica (aveva un assetto da asciutto), ma così è stato francamente troppo. Piomba addosso al compagno all'interno di curva 3 e mette fine alla giornata di entrambi. VOTO 2

ANTONIO GIOVINAZZI Bella gara nascosta dalla regia per il pilota dell'Alfa Romeo, che parte in ultima fila e approfitta del caos iniziale per recuperare fino alla 13° piazza, sempre davanti al più blasonato compagno di team KIMI RAIKKONEN (VOTO 6,5), che lotta per tutta la gara con le Haas e alla fine la spunta per un poco gratificante 11° posto. Tornando a Giovinazzi, nella seconda parte di gara se la gioca per la decima posizione con Kvyat, purtroppo ai box gli hanno montato una gomma rossa troppo presto, e nel finale arriva il crollo di prestazione che lo fa sprofondare in 14° posizione. Con una strategia diversa sarebbe potuto finire a punti. VOTO 6,5

GP Stiria 2020, Spielberg: Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen (Alfa Romeo Racing)

GLI ALTRI Gara lineare per il russo DANIIL KVYAT (VOTO 6), che porta a casa un punticino per l'Alpha Tauri, mentre non si può dare la sufficienza al compagno PIERRE GASLY (VOTO 5), che scatta in quarta fila, dalla settima posizione, e termina il GP davanti solamente alle due Williams. Qualche passo in avanti per i due piloti della Haas, con KEVIN MAGNUSSEN (VOTO 5,5) che sopravanza ROMAIN GROSJEAN (VOTO 5), autore di una gara discreta ma di un sabato pieno di errori. Infine un lungo nelle prime fasi di gara danneggia una possibile buona gara di GEORGE RUSSELL (VOTO 5,5) che comunque riesce a tornare sotto al compagno NICOLAS LATIFI (VOTO 4) e riprendersi quantomeno la penultima piazza.


TAGS: sainz formula 1 vettel spielberg norris Hamilton ricciardo verstappen perez bottas leclerc f1 2020 Stroll Albon Gp Stiria StyrianGP 2020 Pagelle GP Stiria 2020