Pubblicato il 11/06/20

CI SONO LE GOMME Anche voi non vi sentite per davvero nel vivo di una stagione di Formula 1 fino a quando la Pirelli non comunica la scelta delle mescole per i Gran Premi? Ecco, da questo momento in poi possiamo finalmente partire con il countdown vero e proprio in vista del gran premio d’Austria che, il prossimo 5 luglio, segnerà il tanto atteso ritorno del circus dopo la pandemia da coronavirus. Per portarsi avanti con il lavoro, il costruttore milanese ha ufficializzato i compound gomme che saranno presenti in tutte e otto le tappe fin qui previste.

LE SCELTE Si partirà appunto nel weekend del 5 luglio con il Gp d’Austria con gomme C2, C3 e C4, scelta poi confermata anche nel weekend successivo sulla stessa pista del Red Bull Ring con la gara denominata “Gran Premio della Stiria”. Le mescole saranno le stesse, poi, anche a Budapest per il Gp d’Ungheria del 19 luglio. Solo in parte accolta dunque l’ipotesi di differenziare le gare sugli stessi circuiti con mescole differenti. È infatti a Silverstone che si correrà il 2 e il 9 agosto con compound in parte diversi: gomme C1, C2 e C3 per il Gp di Gran Bretagna, seguite dalla più soffice terna C2-C3-C4 nel Gp del settantesimo anniversario. Una settimana dopo, nel weekend di Ferragosto, si volerà invece a Barcellona con la più conservativa scelta di C1, C2 e C3.

F1, Mario Isola (Responsabile F1 & Car Racing Pirelli)

C4 A MONZA Dopo una domenica di stop le monoposto saranno di nuovo in pista per un altro back-to-back. Sia nel Gran Premio del Belgio e che in quello d’Italia a Monza, previsto nel weekend del 6 settembre. “Con così tante variabili – ha spiegato Mario Isola confermando quanto anticipato nella puntata di RadioBox dello scorso 28 aprile e con un calendario flessibile, non abbiamo avuto molto tempo per reagire al cambiamento della situazione. Per questo, di concerto con Fia, Liberty Media e team, abbiamo deciso di ufficializzare le mescole per le prime otto gare. Si tratta, come sempre, di scelte che rispecchiano le caratteristiche delle singole piste in modo da offrire interessanti opportunità sul piano strategico”. Utile ricordare che la mescola C1 è la più dura del lotto Pirelli P Zero mentre la C5, che però non vedremo in nessuna delle prime otto gare del mondiale 2020, è la più morbida solitamente destinata a circuiti cittadini come Monaco e Montreal.


TAGS: pirelli formula 1 p zero f1 gp austria