Autore:
Salvo Sardina

TELENOVELA CONTINUA Era già accaduto a Melbourne per il Gran Premio inaugurale di questa stagione. La storia adesso si ripete per altre due gare: la Ferrari non potrà utilizzare i loghi Mission Winnow nel prossimo Gp del Canada, di scena nel weekend del 9 giugno, e in quello di Francia di due settimane dopo. A confermarlo ufficialmente è stato il team di Maranello, che ha annunciato il ritorno dei loghi celebrativi dei 90 anni della nascita della Scuderia, già visti in Australia lo scorso 17 marzo.   

PRECAUZIONE Il problema era sorto proprio alla vigilia dell’appuntamento d’apertura del campionato, quando le autorità australiane avevano aperto un’indagine sulla presunta pubblicizzazione di prodotti legati all’industria del tabacco, vietati appunto dalle leggi dello Stato di Vittoria. Ferrari ovviamente ha sempre negato che il logo Mission Winnow – brand comunque registrato dalla multinazionale Philip Morris International – sia un modo occulto per sponsorizzare sigarette e affini. Ma ha preferito evitare ogni rischio di battaglia frontale con le autorità locali.

COME DUCATI Sia in Canada che in Francia, vista l’esistenza di norme estremamente severe in materia, la Ferrari sarà dunque priva del title sponsor e dei loghi su livrea, tute e abbigliamento di piloti e membri della squadra. Lo stesso era accaduto due settimane fa alla Ducati, altro team storicamente sponsorizzato da Philip Morris (e quest’anno da Mission Winnow): nel Gp di Le Mans, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci erano infatti scesi in pista con scritte personalizzate “Dovi” e “Petrux” sulle carene delle rispettive Desmosedici.


TAGS: ferrari formula 1 f1 gp canada Mission Winnow CanadianGP 2019 F1 Montreal