Autore:
Simone Valtieri

ANCORA IN FERRARI Il pilota di Maranello Sebastian Vettel smentisce categoricamente le voci sul suo ritiro a fine stagione, iniziate a circolare senza controllo a Monaco dopo un articolo del giornalista britannico Joe Saward. Come vi avevamo anticipato i giorni scorsi, Seb proseguirà la sua avventura in Ferrari fino alla scadenza del suo contratto, prevista per la fine della stagione 2020, come spiegato ai colleghi di Auto Bild.

SVOLTA CANADA "Non ho alcuna intenzione di ritirarmi" - ha esordito seccamente il campione tedesco - "Mi diverto ancora a guidare in Formula 1 e ci sono ancora tante cose che posso fare in Ferrari. Ce la metteremo tutta per dare una svolta a questa stagione e il Gran Premio del Canada di questo fine settimana potrebbe essere una grande occasione per noi di invertire il trend di inizio stagione."

CONFERMA DIFFICILE Sulla pista canadese lo scorso anno Sebastian Vettel riuscì a imporsi sfruttando la velocità della sua rossa nei punti veloci della pista, mentre pagava dazio in ogni corner dalla Red Bull. La Mercedes si era trovata un po' in difficoltà sul tortuoso circuito semi-cittadino di Montreal ma era riuscita poi a conquistare la seconda piazza con Valtteri Bottas, giunto davanti a Max Verstappen sul podio. Da Stoccarda però porteranno un'evoluzione del motore Mercedes e, vista la forma dimostrata da inizio stagione, non sarà facile per le due scuderie rivali batterla.

DUE SEDILI TOP L'obiettivo di Vettel per questo weekend resta comunque quello di imporsi nella corsa in Quebec, e se non dovesse riuscirci, continuerà a provarci nelle gare successive o anche nella prossima stagione. A questo punto sono solamente due i sedili nei top team ancora da confermare per il 2020: quello di Valtteri Bottas in Mercedes e quello di Pierre Gasly in Red Bull. Hamilton, Vettel, Leclerc e Verstappen hanno tutti un contratto che prosegue oltre il termine della stagione corrente.

 

 


TAGS: ferrari formula 1 vettel sebastian vettel f1 2019 CanadianGP 2019 GP Canada 2019