Autore:
La Redazione

CLAMOROSO Mentre Sebastian Vettel è già davanti a tutti nei primi test di Formula Uno a Barcellona, la sua SF90 rischia uno stop “a tavolino”. Codacons e Unione Nazionale dei consumatori hanno infatti depositato all'Anitrust un esposto contro la Ferrari per pubblicità indiretta all'industria del tabacco, vietata per legge. Le due associazioni sarebbero pronte a chiedere addirittura il sequestro della monoposto.

L'ACCUSA Ma qual è il problema? Sotto accusa c'è la scritta Mission Winnow sulla carrozzeria della nuova Ferrari F1 2019, secondo Codacons e UNC un marchio legato all'universo Philip Morris e riconducibile alla sua attività. E quindi da considerare una sponsorizzazione velata al marchio di sigarette.

UNC Il presidente dell'UNC Massimiliano Dona: Abbiamo presentato un esposto all’Antitrust e al Ministero della Salute per accertare la regolarità della scritta e la sua conformità rispetto alla normativa vigente. Non è la prima volta che si utilizza la Formula 1 o le gare di moto per far rientrare dalla finestra quello che la legge vieta, ossia pubblicizzare il tabacco ed i prodotti del tabacco. Per questo chiediamo alle due Authority di accertare i fatti e cosa sia realmente Mission Winnow”.

TO BE CONTINUED Quest'ultimo punto è attualmente il più oscuro della questione. Il nome Mission Winnow, legato anche alla Ducati nella MotoGP, è stato dato a un progetto che coinvolge Philip Morris e i suoi partner, ma che non interessa soltanto l'attività sportiva. Sotto il cappello Mission Now rientra ad esempio l'attività di ricerca e sviluppo del Gruppo finalizzata alla trasformazione dell'industria del fumo. La vicenda ora attende risposta, oltre che dall'Antitrust, anche da Maranello.


TAGS: ferrari formula uno Ferrari SF90