SFIDA A VERSTAPPEN La Ferrari ottiene il secondo e quarto tempo nelle qualifiche del GP Brasile e il team principal Mattia Binotto si dichiara soddisfatto, nonostante la retrocessione che complicherà la gara di Charles Leclerc. Sebastian Vettel avrà invece l'occasione di partire in prima fila accanto a Max Verstappen, protagonista di dichiarazioni velenose nei confronti del team di Maranello al termine del precedente GP Stati Uniti.

IL JOLLY DELLE GOMME MEDIE A Interlagos, la Ferrari è sembrata trovarsi quasi meglio con le gomme medie, che saranno poi quelle con cui Leclerc inizierà il gran premio. Binotto ha commentato: "Si è trovato molto bene con le gialle all'anteriore, erano più consistenti. Ha fatto un bel giro, a parte l'errore, peccato perché poteva essere in pole ma come al solito qui in Brasile il gap è molto stretto, c'è poca differenza tra le vetture". Essendo l'unico dei top driver a iniziare il GP Brasile con questa mescola, Binotto ritiene che Leclerc avrà molte chance di inserirsi nella lotta al vertice: "Verstappen si è meritato la pole, nulla da dire, anche se pure lui ha commesso un errore. 2° e 4° è un bel risultato, non facciamone un dramma, peccato per Charles che partirà dietro domani in gara ma con le medie, cosa importante per lui dato che sono più consistenti. Questa è una gara in cui può succedere sempre di tutto. È sempre una gara lunga, può uscire la SC, bisogna essere pronti a qualsiasi situazione".

F1 2019: Mattia Binotto (Ferrari)

MAX FAVORITO MA OCCHI ALLE VARIABILI Al contrario, Vettel scatterà con le medie, ma avrà a disposizione un treno di gomme fresco per il finale di gara: "Per noi era importante tenere delle gialle nuove per domani per la fine della gara - ha sottolineato Binotto - e tenerci tutte le possibliiltà per cogliere qualunque situazione possa capitare". E parlando dei rivali ha aggiunto: "Di solito chi parte in pole è perché ha la macchina con un buon ritmo. L'avversario da battere resta Verstappen ma non siamo lontani, sono tutti in pochi centesimi e pochi decimi, sono tutti molto forti". L'ingegnere italo-svizzero ha poi aggiunto: "Ognuno deve pensare alla propria gara, minimizzare il tempo fino alla bandiera a scacchi e poi bisogna essere pronti a ogni situazione. Safety Car e situazioni meteo. La pista si evolve molto, rispetto a ieri è molto diversa, stamattina meglio di ieri e e ancora evolverà, gli equilibri domani potrebbero essere diversi da quelli di oggi".

QUESTIONE DI STILE La chiusura è stata ancora su Verstappen, con Binotto che non ha dimenticato le frasi di Austin: "Certe dichiarazioni non fanno bene allo sport, invece complimentarsi è sempre la cosa giusta, è sempre bene essere corretti nei confronti di tutti" ha dichiarato, facendo riferimento ai complimenti espressi da Vettel all'olandese per la pole di oggi, la seconda nella sua carriera.


TAGS: ferrari vettel f1 verstappen binotto leclerc interlagos GP Brasile BrazilGP 2019