GARA PAZZA! Il Gran Premio del Brasile è andato in archivio con 15 giri emozionanti e folli, durate il quale è successo di tutto e di più: le due Ferrari di Vettel e Leclerc si sono messe kappaò reciprocamente, è uscita un'ulteriore Safety Car, Lewis Hamilton ha speronato Alex Albon privandolo del primo podio in carriera, e sui tre gradini ci sono saliti per la prima volta Gasly e Sainz. Quei 15 giri sono stati originati tutti da una prima Safety Car, quella chiamata dalla Federazione a seguito della rottura di Valtteri Bottas, che pure aveva parcheggiato all'interno di una curva in una posizione sufficientemente sicura e con sembrava necessitare della chiamata del provvedimento, risolvibile con una Virtual Safety Car.

SAFETY CAR OBBLIGATA Il Direttore di Corsa, Michael Masi, ha perciò deciso di chiarire i perché di questa chiamata. "Valtteri ha fatto un lavoro fantastico nel fermare la macchina in quel punto" - ha spiegato - "I commissari stavano cercando di spingerla verso l'uscita, motivo per cui abbiamo inizialmente esposto solo le doppie bandiere gialle. Solo che la macchina si è bloccata sul dosso, e dunque abbiamo dovuto far uscire la gru per spostarla. Per me, non appena una gru entra in pista, non c'è altro da fare se non chiamare in pista la Safety Car."

PULIZIA E 'SDOPPIAGGI' Il provvedimento preso da Masi non si discosta in effetti da quanto già avvenuto in altre circostanze negli ultimi anni. Dal 2014, con l'incidente che ha causato la morte di Jules Bianchi in Giappone, le regole per la sicurezza sono state implementate e, in casi come quello di Interlagos con una gru in pista, chiamare la Safety Car è diventato l'obbligo. Un'altra piccola polemica c'è stata sulla durata della stessa, ben sei giri al fine di far sdoppiare quasi tre quarti dei concorrenti: "In pratica c'erano solo 5 auto a pieni giri, ci ha messo un po' il leader a raggiungere la Safety Car, da quel momento in poi abbiamo potuto far sdoppiare i piloti. D'altronde il nostro primo obiettivo è sempre quello di pulire la pista dagli incidenti, mentre lo 'sdoppiaggio' delle auto è una cosa secondaria."


TAGS: fia safety car valtteri bottas BrazilGP 2019 GP Brasile 2019 F1 GP Brasile 2019