TITOLO IN TASCA Quando si dice "una pura formalità". A meno di disastri o ritiri, Lewis Hamilton potrà festeggiare il suo sesto titolo mondiale con due gare di anticipo sulla fine del campionato, domenica prossima ad Austin, Texas, dove si correrà il Gran Premio degli Stati Uniti, terz'ultima tappa iridata. Per farlo il campione della Mercedes avrà a disposizione un ampissimo spettro di risultati, quasi la totalità.

F1, GP MEssico 2019: Valtteri Bottas e Lewis Hamilton (Mercedes)

SETTANTOTTO Intanto l'unico che sulla carta può ancora ambire al suo scettro è il compagno Valtteri Bottas, che però dista ben 74 punti in classifica dopo la roboante vittoria di Lewis in Messico. Da qui a fine anno saranno in palio nei GP di USA, Brasile ed Abu Dhabi altri 75 punti più i 3 del bonus per il giro veloce, dunque 78. L'unico modo che il finlandese avrebbe per conquistare il suo primo titolo sarebbe quello di vincere tutte e tre le gare restanti e sperare che Lewis non faccia più di 3 punti: fantascienza.

DA OTTAVO IN SU Stando agli incroci statistici, Lewis Hamilton ha a favore 108 combinazioni su 110 in Texas, dunque il 98,2% delle probabilità di assicurarsi il titolo. Le uniche soluzioni che potrebbero portare a un rinvio dell'assegnazione del titolo, sono che Bottas vinca (con o senza bonus) e Hamilton giunga 10° o fuori dalla top ten (più facile che si ritiri). Perciò a Lewis basterà, per portare a casa il suo sesto titolo con certezza assoluta, arrivare ottavo (o nono con punto bonus per il giro veloce, visto che in questo caso non andrebbe a Bottas), oppure semplicemente sperare che il compagno non vinca la gara.

F1, GP Messico 2019: Lewis Hamilton (Mercedes) festeggia la vittoria

BOTTAS SECONDO In tutto questo Valtteri Bottas non è ancora certo della sua seconda posizione in classifica, sebbene sia in pole position per ottenerla senza grossi patemi. Sono 53 infatti i punti di margine del finlandese sul più diretto inseguitore, Charles Leclerc. La via più facile per mantenere la seconda piazza è quella di arrivare davanti al monegasco ad Austin, in modo da conservare il suo vantaggio e aumentarlo. Basterà infatti a Bottas tornare dall'America con 52 punti di margine per essere sicuro del titolo di vice campione.


TAGS: mercedes formula 1 valtteri bottas lewis hamilton austin f1 2019 Hamilton campione se GP USA 2019 USGP 2019 F1 GP USA 2019