Logo MotorBox

Prezzi e quotazioni usato Kia Niro(MY 2016, 2018, 2019)

Kia Niro

Crossover dalla linea moderna, Niro nasce ibrido. Le batterie non tolgono spazio a persone e cose e assicurano medie consumi anche di 5 l/100 km.

MY 2016/2019 A partire da 25.500 €
Scheda tecnica
Marca / ModelloKia Niro
Prezzi a partire da: 25.500 €
Omologazione: Euro6
Numero posti: 5
Valutazione Media:
PRO

Spazio di bordo In quattro si viaggia larghi, in cinque si trova facilmente un accordo

Comfort Sullo sconnesso la Niro non balla. Suv di stomaco forte

Economia di esercizio Nessun altro sport utility chiede da bere così di rado

CONTRO

Bagagliaio Alto da terra e dal volume un po’ deludente

Visibilità posteriore Lunotto piccolo e scuro, al buio le retro sono scomode

Freno di stazionamento Alla leva a pedale preferiamo il classico gancio manuale

Quale versione scegliere

Esiste solo la versione ibrida, alla quale si affianca semmai la variante Eco con cerchi da 16 pollici. Consuma meno, è vero, ma è anche meno esclusiva.

Quale colore scegliere

In nero è molto elegante, ma l'azzurro ne sottolinea la vocazione ecologica.

Quotazioni Niro
Modello 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014
29.700 27.300 - - - - - -
26.800 24.700 - - - - - -
24.900 22.900 - - - - - -
- 22.600 20.100 17.400 14.900 12.800 - -
- 18.900 16.800 14.500 12.500 10.700 - -
- 20.400 18.200 15.700 13.500 11.600 - -
36.500 33.600 - - - - - -
33.700 31.000 - - - - - -
31.900 29.400 - - - - - -
- 27.200 24.200 20.900 - - - -
31.100 28.300 - - - - - -
30.500 28.000 - - - - - -
40.900 37.500 - - - - - -
38.100 35.000 - - - - - -
Com'è la Niro?

Al passo con la rivoluzione ecologica, la coreana dal pollice verde è il primo Suv di taglia media (4,3 metri di lunghezza) a meritarsi il titolo di nativo ibrido. Già, l’Hybrid utility vehicle di Seul adotta la duplice alimentazione benzina-elettrico sin dal suo concepimento: sotto il cofano pulsa cioè un tradizionale 4 cilindri 1.6 da 105 cv, mentre solidale al cambio automatico robotizzato doppia frizione a sei rapporti alloggia il sostegno elettrico da 43,5 cv. Mascolina ma non aggressiva fuori, qualitativa e tecnologica dentro: Niro è così anche un’ibrida digitale, essendo equipaggiata di display capacitivo da 8 pollici con mappe TomTom e i protocolli Apple Car Play e Android Auto.

Come va la Niro?

Nel traffico si avanza che è un piacere, col 1.6 GDi che interviene solo a vettura già in movimento (se si tratta con garbo il pedale dell’acceleratore) e si addormenta ancor prima del segnale di Stop. I passaggi di marcia sono quasi inavvertibili. Può capitare, invece, che in salita o in sorpasso Niro accusi acido lattico e tiri un po’ il fiato: niente paura, leva del cambio in S e il pacchetto termoelettrico torna a lavorare con entusiasmo. Agli occupanti, la convivenza con l’architettura ibrida non comporta alcun sacrificio: le batterie agli ioni di litio, rigenerate dall’unità elettrica stessa in fase di frenata o di rilascio, sono incastrate sotto il divano posteriore e non sottraggono un solo centimetro cubo di spazio alle gambe.