Test Drive

Skoda Fabia 1.4 TSI DSG RS


Avatar Redazionale , il 07/02/12

9 anni fa - Cenerentola indossa le scarpette da running

La Skoda Fabia RS gioca da outsider nel settore delle piccole sportive puntando sull'accoppiata vincente motore 1.4 TSI da 180 cv - cambio DSG a sette marce. Costa poco più di 21.000 euro e ha finiture di qualità.

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2012, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2012 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

CENERENTOLA SPRINT Nel mondo dell’auto può succedere che nella scarpiera di Cenerentola divenuta Principessa ci siano anche scarpette da running, accanto alle scintillanti décolleté di cristallo per il gran ballo. La nostra Cenerentola a quattro ruote è la Skoda, che, dopo aver messo radici nei salotti "bene" automobilari, si è messa in testa di dare un’ulteriore rinfrescata all’immagine cimentandosi (con successo) nei rally e proponendo una gamma di versioni sportive chiamate RS.

SCELTA (QUASI) OBBLIGATA La mascotte della famiglia è la Skoda Fabia RS, una di quelle macchine per cui la gamma colori diventa quasi un pro forma: vestirla del colore sociale, il verde metallizzato è quasi un must. E poco conta che così facendo, complice il tetto nero, l’understatement vada a farsi benedire. Certe macchine si scelgono con il cuore, perché sono quello che sono, e allora tanto vale ostentarle, no?!

DRITTA AL CUORE D’altro canto, neanche fosse Cupido, la Skoda Fabia RS ha diverse frecce al suo arco per far innamorare. Gli appassionati di meccanica e di tecnica in genere potrebbero per esempio leggere con sguardo sognante la parte dedicata a motore e trasmissione della scheda tecnica, trovando poi su strada mantenute le promesse fatta dalla Casa. Il fiore all’occhiello della Skoda Fabia RS è infatti l’accoppiata costituita dal quattro cilindri 1.400 TSI da 180 cv e dal cambio a doppia frizione e sette marce DSG.

VEDI ANCHE



ERCOLINO Il motore assicura un eccellente rendimento in ogni condizione, che ci sia da partire in tromba a un semaforo o da portare alla casa in montagna qualche quintale di mercanzia dall’Ikea. Pur difendendosi alla grande (7,3 secondi nello 0-100 sono un risultato con i fiocchi), forse non sarà brillante in allungo come quello di certa concorrenza con vocazione più corsaiola; tuttavia, ha ben pochi rivali quanto a coppia. Al banco si parla di 250 Nm costanti tra i 2.000 e i 4.500 giri, mentre su strada si avvertono risposte corpose ogni volta che si accarezza l’acceleratore con il piede. Il segreto sta in una costruzione sopraffina, che abbina iniezione diretta della benzina, compressore volumetrico e turbina a valvole d’aspirazione ad alzata variabile.

UNA SPALLA PERFETTA Nel ruolo di attore non protagonista, il cambio DSG merita sempre una candidation all’Oscar. Dolce quando si viaggia con piede felpato e capace di cambiate quasi inavvertibili, diventa un fulmine nella guida sportiva. Volendo si può posizionare la leva su S e chiedergli una mano a  tenere il motore più su di giri ma nella guida arrembante è sempre meglio darsi al fai-da-te. Nell’uso sequenziale, attraverso le levette al volante, i passaggi di marcia sono rapidi e senza sbavature, per completare un quadro che mette d’accordo i più pantofolai e gli scavezzacollo del volante.

AMA IL LISCIO Per sfruttare le potenzialità della meccanica, l’assetto è tarato in modo piuttosto sostenuto, scelta che dà i suoi frutti in termini di ripidità nell’ingresso in curva e di tenuta in fase di percorrenza ma che si paga quando si passa su buche e tombini. Se la Skoda Fabia RS gira svelta e precisa ma è nemica dello sconnesso, parte della colpa (o del merito, questione di punti di vista) è anche dei cerchi da 17” gommati 205/40, che sono anche tra gli elementi di spicco del look. Gli altri segni particolari sono le luci diurne a Led, il massiccio paraurti anteriore con una grande presa d’aria inferiore trapezoidale, il diffusore posteriore con doppio terminale di scarico cromato e lo spoilerino sopra il lunotto.

TRAPIANTO RIUSCITO L’abitacolo ha a sua volta segni particolari, come i sedili sportivi, che trattengono bene le gambe e il busto quando di viaggia allegri ma offrono comunque un buon comfort nelle lunghe maratone autostradali. Le finiture sono ottime, come sempre da quando all’ombra della Freccia Alata attingono a piene mani dalla banca organi del Gruppo Volkswagen.

FACCIAMO I CONTI In buona sostanza la Skoda Fabia RS si propone come un’alternativa tecnologica alle piccole tuttopepe più modaiole, rispetto alle quali ha anche il pregio di offrire un’abitabilità e una capacità di carico superiori alla media. Al marchio manca ancora un po’ di appeal e la linea non fa girare la testa ma in fondo l’amore può essere anche… ceco!


Pubblicato da Paolo Sardi, 07/02/2012
Gallery
Tutte le prove auto del 2012
Logo MotorBox