Ferrari, Leclerc e Sainz: ecco perché Budapest non è un'occasione
F1 2021

Ferrari, occasione vittoria a Budapest? No, Leclerc e Sainz spiegano perché


Avatar di Salvo Sardina , il 26/07/21

1 mese fa - Gli uomini del Cavallino mettono le mani avanti in vista del Gp Ungheria

Il Cavallino, tra pretattica e tecnica, mette le mani avanti in vista del Gp d'Ungheria: ecco perché la "Monte Carlo senza muretti" potrebbe non essere così favorevole alla SF21
Benvenuto nello Speciale HUNGARIANGP 2021, composto da 29 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario HUNGARIANGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

OCCASIONE GHIOTTA Per molti, Budapest non è altro che una “Monte Carlo senza muretti”. I rettilinei relativamente corti, la carreggiata piuttosto stretta e il disegno del tracciato che in alcuni punti è talmente tortuoso da rendere quasi impossibili i sorpassi, hanno contribuito negli anni ad affermare che le auto che vanno bene nel Principato tendono ad avere (più o meno) analoghe chance di successo anche all’Hungaroring. In assenza di un Gp di Monaco nel 2020, un esempio interessante di questo trend ce lo offre l’edizione 2014 del mondiale di F1: all’epoca, un Fernando Alonso alla guida della disastrosa F14T centrò il quarto posto in Riviera alle spalle di Rosberg, Hamilton e Ricciardo chiudendo poi il Gp magiaro in seconda posizione dietro a Ricciardo, ma davanti ai due piloti Mercedes protagonisti di una gara ricca di disavventure.

F1 GP Gran Bretagna 2021, Silverstone: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) sul podio F1 GP Gran Bretagna 2021, Silverstone: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) sul podio

LECLERC METTE LE MANI AVANTI Insomma, come già detto più volte nel corso della stagione, dopo l’exploit di Monte Carlo e le buone prestazioni in qualifica a Baku, con il rinvio al 2022 del Gp di Singapore, la tappa di Budapest potrebbe rappresentare l’ultima grande chance favorevole per la Ferrari. Una data, quella della gara del prossimo 1 agosto da segnare quantomeno con la penna blu (se non con quella rossa) sul calendario iridato. Ad abbassare il livello delle attese per i tifosi del Cavallino, ci ha però pensato Charles Leclerc che, citato dai colleghi di RaceFans, ha voluto escludere che la SF21 grande protagonista a Silverstone possa inserirsi tra Red Bull e Mercedes nella lotta per la vittoria.

VEDI ANCHE



F1 GP Ungheria 2020, Budapest: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) F1 GP Ungheria 2020, Budapest: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari)

PARLA CHARLESÈ buono – ha spiegato il pilota monegasco – essere ottimisti e credo che tutti quanti abbiamo voglia di esserlo specialmente dopo aver messo in mostra prestazioni così incoraggianti nelle ultime tre gare. Dall’altro lato, però, è doveroso restare con i piedi per terra. È vero che ci troviamo in un buono stato di forma, ma credo che sia un po’ irrealistico pensare che andremo in Ungheria per vincere la gara. Realisticamente, credo che dovremmo essere contenti di essere subito alle spalle dei due top team”. Insomma, giusto sognare (tanto per citare Binotto dopo la Sprint Qualifying dello scorso weekend), ma se è vero che le prestazioni della SF1000 a Silverstone nella passata stagione lasciavano immaginare una buona performance in terra inglese, non si può dimenticare che proprio a Budapest la Ferrari del 2020 concluse con un sesto posto di Vettel e un undicesimo di Leclerc. A oltre un giro dal leader Hamilton…

F1 GP Gran Bretagna 2021, Silverstone: Carlos Sainz (Scuderia Ferrari) F1 GP Gran Bretagna 2021, Silverstone: Carlos Sainz (Scuderia Ferrari)

L’OPINIONE DI CARLOS Anche Carlos Sainz sposa il ragionamento del compagno di squadra, spiegando dal punto di vista tecnico il motivo per cui la pista magiara non è (più) così tanto simile a Monte Carlo, pur avendo un layout rimasto immutato in questi anni: “Budapest, con questa generazione di auto, è ormai una pista da alta velocità. Se guardiamo a Monaco o a Baku, ci sono curve da seconda e terza marcia mentre all’Hungaroring, con delle monoposto che generano un carico aerodinamico pazzesco, c’è un settore centrale in cui sei costantemente in quarta o quinta marcia. Non è più un circuito da bassa velocità come lo era in passato, quindi non credo che sarà una pista così tanto favorevole per noi. In ogni caso, speriamo di avere una buona opportunità per fare bene alle spalle di Mercedes e Red Bull”.


Pubblicato da Salvo Sardina, 26/07/2021

Tags
Gallery
HungarianGP 2021
Logo MotorBox